Bari-Verona, le pagelle dei biancorossi: Micai senza colpe, Daprelà in difficoltà

Diamo un voto ai galletti dopo la sconfitta interna contro gli scaligeri


Share
Alessandro Micai
Alessandro Micai

Il Bari continua a scivolare in classifica. Ora è 12° perché nelle ultime 6 partite ha collezionato soltanto 4 punti. Peggio hanno fatto solo in tre: Pisa (3 punti), Novara e Latina (2). Colantuono si è presemtato in sala stampa un’ora e mezza dopo la conclusione della gara, ma, ha spiegato, perché presidente, direttore sportivo e allenatore hanno curato i particolari dell’organizzazione della trasferta a Salerno, martedi prossimo, smentendo ogni sospetto di un possibile esonero.

MICAI
6,5
semaforo_verde Se il Bari ha perso solo per 0-2 il merito è tutto suo. Il portiere ha compiuto almeno 2 veri e propri “miracoli” sulle conclusioni degli attaccanti veneti. Incolpevole sui 2 gol subìti perché sui suoi salvataggi i compagni sono rimasti immobili consentendo a Pazzini e Zuculini di ribattere in rete. SENZA COLPE
 
SABELLI
4,5
semaforo_rosso Ha cercato di contenere le discese di Luppi sulla sua fascia, ma l’esterno veronese ha goduto di ampia libertà. Nella ripresa,con il Bari in superiorità numerica, si è spinto spesso in avanti ma quasi tutti i cross sono stati fuori misura. IN SOFFERENZA
 
MORAS
4,5
semaforo_rosso Ha avuto l’incarico di controllare Pazzini, ma il suo ex compagno gli è sfuggito più volte, realizzando la rete che ha sbloccato il risultato e sfiorando anche il raddoppio. Da lui era lecito attendersi molto di più. DELUDENTE
 
TONUCCI
5
semaforo_rosso Ha giocato al fianco di Moras, con il compito di chiudere i varchi che potevano aprirsi in difesa. E’ stato costretto a correre e intervenire da tutte le parti commettendo numerosi errori e incertezze, soprattutto nel confronto “uno contro uno”. INCERTO
 
DAPRELA’
4,5
semaforo_rosso E’ apparso in chiara difficoltà sulla sua fascia per le continue proiezioni di Siligardi e soprattuto Romulo, molto più veloce, che dal fondo ha servito numerosi palloni per i compagni nell’area biancorossa. IN DIFFICOLTA’
 
PORTOGHESE
S.V.
semaforo_giallo Colantuono ha premiato il ragazzo proveniente dalla Primavera con l’esordio in B al posto di Daprelà nell’ultimo quarto d’ora di gioco. Ma il giovane attaccante è stato trascurato dalla sterile manovra barese.  
 
GALANO
6
semaforo_verde Ha giocato a sorpresa in posizione arretrata come esterno nella linea dei centrocampisti. Nel primo tempo ha dovuto inseguire continuamente il terzino Souprayen. Nella ripresa, con il Verona più basso, è stato l’unico a tirare verso la porta avversaria. VOLENTEROSO
 
FEDELE
5
semaforo_rosso Ha inseguito nel primo tempo l’ex biancorosso Fossati. Nella ripresa ha cercaro di dare consistenza alla costruzione del gioco a centrocampo, ma ha subìto il predominio dei veneti e non ha neppure tentato di tirare da lontano. INCONSISTENTE
 
GRECO
4,5
semaforo_rosso Colantuono lo ha buttato nella mischia dal primo minuto, sperando nella legge dell’ex. Ma il centrocampista non è ancora pronto a sostenere il ruolo di regista e il ritmo di una gara. Troppi gli errori commessi, compreso quello che ha dato via libera a Bessa, ispiratore del raddoppio gialloblu. SPENTO
 
MACEK
S.V.
semaforo_giallo Ha rilevato negli ultimi minuti Greco ed ha trovato il tempo per rimediare un cartellino giallo.                                                         
 
FURLAN
5
semaforo_rosso Schierato anche lui da esterno nella linea dei centrocampisti, si è alternato con Sabelli nei tentativi di contrastare lo scatenato Romulo. Si è visto poco in avanti ma comunque sua è stata l’unica vera palla-gol del Bari: colpo di testa su cross di Daprelà e respinta in tuffo dal portiere. INCONCLUDENTE
 
MARTINHO
5,5
semaforo_rosso Ha giocato in posizione da trequartista alle spalle di Maniero, ha fatto un gran movimento ed ha mostrato qualche spunto interessante. Ma sono state sempre iniziative individuali. MACCHINOSO
 
PARIGINI
4,5
semaforo_rosso E’ subentrato allo stremato Martinho a metà ripresa nel tentativo, rivelatosi inutile, di vivacizzare l’attacco biancorosso. Non ha concluso gran che e si è fatto espellere per un assurdo accenno di reazione ad un fallo subìto. NERVOSO
 
MANIERO
4,5
semaforo_rosso Lento e impacciato, non ha mai superato l’avversario in velocità ma a parziale discolpa va detto che ha lottato da solo contro più difensori e non ha mai trovato compagni per uno scambio. NON PUNGE
 
Allenatore: COLANTUONO
5
semaforo_rosso Le ha tentate davvero tutte, dallo schieramento molto prudenziale del 4-4-1-1 all’esordio del giovane Portoghese. Assente il centrocampo con un Greco incosistente, sono mancati i rifornimenti in avanti e i difensori si sono distratti in continuazione, rischiando un cappotto.. Continua a difendere i giocatori come deve fare ogni allenatore. SQUADRA SENZA CARATTERE
 
Arbitro: sig. SIG. G.MANGANIELLO
6,5
semaforo_verde E’ stata una giornata impegnativa per il direttore di gara di Pinerolo. Dopo la prima mezzora di gioco abbastanza tranquilla, la partita si è accesa e si sono susseguiti i falli e le ammonizioni. Gioco spezzettato e ben 8 ammoniti (5 biancorossi e 3 gialloblu) e 3 espulsi, Ferrari (2 cartellini gialli), l’allenatore Pecchia e Parigini (rossi diretti). Comunque l’arbitro non si é lasciato sfuggire il controllo della partita. HA GESTITO SENZA PROBLEMI






About Peppino Accettura 204 Articoli
Il nostro collaboratore più navigato. Giornalista Pubblicista dal 1970 ed esperto soprattutto di statistiche e materie economiche.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*