Esposito: “Monopoli, dobbiamo crescere rispetto al passato”. Furlan: “Qui mesi importanti. Il Bari…”

Le parole dei due calciatori del gabbiano al termine della sfida contro l'Akragas



Pasquale Esposito e Jacopo Furlan
Pasquale Esposito e Jacopo Furlan

MONOPOLI (BA) – Parola anche ad alcuni dei calciatori protagonisti della salvezza del gabbiano. Il Monopoli oggi può brindare grazie alla personalità di capitan Pasquale Esposito ed alle parate di Jacopo Furlan, oggi più che mai decisivo contro l’Akragas.


Questo il bilancio dell’estremo difensore numero 22, con sguardo rivolto al futuro: “Oggi la parata più importante è stata la prima, se avessimo preso gol rialzarsi sarebbe stato un po’ più difficile. La gara contro l’Akragas rispecchia la stagione da quando sono arrivato io. La strada era in discesa, cosi come quando ero arrivato a gennaio e a ridosso della zona playoff. Vincere cosi è più bello e non recrimino nulla per questi mesi. Sono riuscito ad andare oltre nei momenti più difficili. Il Bari? Se sono pronto per loro non sta a me giudicarlo, in ritiro si faranno tutte le valutazioni del caso. Di certo non andrò li per fare la comparsa“.

Il numero 4 biancoverde invece  esprime soddisfazione, ma allo stesso tempo parla chiaro all’ambiente: “Dobbiamo tutti crescere di più rispetto al passato. Ora affrontiamo la Lega Pro, un campionato importante e da preservare. Non è la D. La salvezza è stata possibile anche grazie ai forti valori esistenti nel nostro spogliatoio. Ci sono squadre più esperte della nostra che, nonostante giocatori più esperti, sono retrocesse o dovranno ancora fare i playout. Penso a Taranto, Vibonese e Catanzaro. Ringrazio anche mister Bucaro, a volte non è facile calarsi in determinate situazioni. L’Akragas? Si è presentata motivata, ma tutti abbiamo fatto una grossa partita. Giusto ora staccare e rilassarsi“.





About Domenico Brandonisio 2279 Articoli
Collaboratore ed aspirante Pubblicista. Si occupa di qualsiasi argomento attinente al calcio di Bari e Provincia

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*