Reso pubblico lo studio di fattibilità sul ‘San Nicola’. Ecco le principali novità

Riduzione della capienza, nuove coperture, museo storico e riqualificazione dell'area circostante. Tante idee per l'impianto barese

Stadio San Nicola di Bari
Share
Stadio San Nicola di Bari, com'è oggi
Stadio San Nicola di Bari, com’è oggi

Ormai completata l’istruttoria sullo studio di fattibilità della FC Bari 1908, presto le carte saranno girate ai consiglieri comunali per studio propedeutico e discussioni che si terranno entro la fine del mese. Lo riferisce l’emittente Telebari: è questo il tempo in cui bisognerà dare risposte certe per poi permettere – eventualmente – di avviare qualsiasi tipo di lavoro.

Non mancano le idee e le novità sul ‘San Nicola’ che verrà, o almeno questo è quanto trapela dando un’occhiata al dossier. Prima di tutto ci sarà una riduzione di capienza dell’impianto: si passerà dai 58mila posti attuali ai 44mila attraverso l’eliminazione di 14mila posti, tutti nell’anello inferiore. Gli spalti saranno avvicinati al terreno di gioco eliminando la pista d’atletica ed è ipotizzato l’utilizzo di una nuova copertura (con eliminazione di petali). L’obiettivo generale, oltre a riqualificare la zona prestando attenzione anche alla viabilità, prevederebbe il passaggio dalle 3 alle 4 stelle UEFA. Un requisito indispensabile per poter ospitare partite ed eventi di caratura europea. Una delle attenzioni principali è rivolta in particolare ai posti hospitality (2150, di cui business 1800 e sky box 350).

E non è tutto. Tra le proposte vi sono anche un FC Bari cafè, Fan Shop ed un Tour dello stadio con vista alla galleria della storia. Dando ulteriore impulso, dunque, al tanto auspicato museo sui circa 110 anni di vita del Bari. A tutto ciò vanno poi aggiunte stime – con costi e ricavi – legate alla varie attività nell’arco di un tempo stabilito L’investimento totale è stimato sui 150 milioni di euro, ma – si legge – “Tenendo conto di un mix debt/equity 70/30 ed una remunerazione per i rispettivi investitori del 5/10% annuo, i flussi di cassa da assicurare ai predetti investitori sono pari a circa euro 750.000.000 per una durata di 99 anni”.

Tra i partner Siemens ed Osram.





About Domenico Brandonisio 1080 Articoli
Collaboratore ed aspirante Pubblicista. Si occupa di qualsiasi argomento attinente al calcio di Bari e Provincia

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*