Repetto a Bari nel Pallone: “Di Grosso mi piace la dedizione al lavoro. A Bari avventura importante”

Le parole del dirigente abruzzese a proposito del nuovo tecnico dei galletti



Share
Fabio Grosso
Fabio Grosso

La prossima settimana partirà ufficialmente la prima esperienza da allenatore professionista per Fabio Grosso. Dopo i trascorsi con la Primavera della Juventus, l’ex campione del mondo 2006 ha infatti scelto la Serie B ed il Bari. Una scelta coraggiosa ma allo stesso tempo stimolante, data l’importanza della piazza pugliese e la sua tradizione. L’ex difensore del Perugia gode del sostegno di diversi addetti ai lavori: tra questi c’è anche Giorgio Repetto. Il dirigente sportivo è ora al Teramo dopo la proficua esperienza di Pescara come dg. La redazione di barinelpallone.it lo ha contattato telefonicamente.

Nessun dubbio, prima di tutto, sugli stimoli e sull’importanza che l’esperienza in biancorosso può rivestire nella carriera di Grosso: “E’ un’avventura importante in una delle piazze più importanti esistenti tra Serie A e B. La realtà è eccezionale, i risultati sicuramente non quelli che la gente si aspettava. L’ambiente, però, è determinante anche quando le cose vanno bene”.

Dalla Primavera ad un campionato ostico quale la Serie B il salto è di quelli non indifferenti. “Tutti hanno incominciato dal basso – dice – anche Conte che prima di venire a Bari veniva dall’Arezzo. Di sicuro l’esperienza con la Primavera con la Juventus è stata più che positiva. La scelta sarà stata fatta valutando il gioco dei baby bianconeri. Di sicuro Sogliano l’ha seguito, non è andato alla cieca”.

Diversi, secondo Repetto, i punti di forza dell’eroe di Germania 2006: “La grande serietà e la dedizione totale al lavoro. E’ una base più che soddisfacente, lui studia tutte le situazioni e non lascia nulla al caso. Poi, ovviamente, a parlare saranno come sempre il campo ed i risultati. Le pressioni? L’allenatore è un ruolo differente rispetto a quello del calciatore, forse in questo mondo il più difficile. Spesso si viene giudicati senza vedere quello che si riesce effettivamente a fare. Meglio in ogni caso scegliere piazze calorose e non altre dove il seguito è ridotto al minimo. E se le soddisfazioni arrivano sono doppie”.

Si spera, dunque, in un suo debutto positivo. E chissà che, magari, un esordiente non possa rendere meglio di tanti altri tecnici più esperti: “In bocca al lupo a lui ed alla piazza di Bari. Auguro ai pugliesi di viaggiare stabilmente nel massimo campionato italiano”.




About Domenico Brandonisio 638 Articoli
Collaboratore ed aspirante Pubblicista. Si occupa di qualsiasi argomento attinente al calcio di Bari e Provincia

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*