Galano: “Contento per la doppietta. Non ho mai pensato al mercato e mi sono chiesto perchè non sia ancora arrivata la mia consacrazione…”

Le dichiarazioni post gara dell'attaccante biancorosso che ha steso con una doppietta il Parma



Cristian Galano
Cristian Galano

BARI – E’ stato indubbiamente il protagonista assoluto della serata. Con una doppietta di ottima fattura, Cristian Galano ha regalato la vittoria al Bari contro il Parma nel II turno di Tim Cup, ma è stato soprattutto il suo secondo gol a far impazzire letteralmente di gioia i tifosi accorsi al San Nicola. 
Avevo già fatto un gol in rovesciata contro l’Empoli qualche stagione fa – esordisce la punta in zona mista – sono molto contento per questa mia doppietta, ma anche per la squadra che oggi era partita un po’ contratta. Abbiamo subìto gol da un avversario ben attrezzato che secondo me punta a vincere il campionato“.
A chi gli chiede quanto valga ora il suo cartellino dopo le due perle di stasera, il 26enne foggiano preferisce glissare con diplomazia: “Lo sa la società. Io penso solo a fare bene e a dare il massimo per questa squadra e per questa città. In questo momento sto bene fisicamente e mi riesce tutto. Oggi faceva anche caldo e non era facile giocare un match tra l’altro molto intenso“.
Se poi Galano, che non può certamente definirsi un gigante e che non ha le doti di grande colpitore di testa, riesce a segnare con un’inzuccata, allora può darsi che questa possa essere davvero la stagione buona per lui. A questa osservazione, il numero 11 dei galletti sorride e rilancia: “Segnando di testa, vuol dire che ho completato il mio repertorio! Scherzi a parte, ho ricominciato esattamente come avevo terminato la scorsa stagione ed ora devo continuare così e pensare alla gara di sabato di coppa e quindi poi al campionato“.
Inevitabile che poi i giornalisti presenti lo punzecchiassero con il riferimento alle tante voci di mercato che hanno condito l’estate. L’insistente accostamento di Galano al Foggia ha tenuto banco per giorni e giorni, ma alla fine non se n’è fatto più nulla. “Io non ho mai pensato al mercato – chiarisce l’estroso calciatore biancorosso – ho letto tante cose, ma a me nessuno ha parlato ed io non ho mai saputo nulla. Io penso solo a dare il meglio di me stesso per questi colori. E basta. C’è solo una certezza e cioè che resto a Bari“.
L’ingresso in campo di Brienza e D’Elia hanno cambiato l’inerzia dell’incontro. Il Bari è sembrato avere una marcia in più e questo ha probabilmente agevolato anche il lavoro del reparto offensivo. “Si sa che Brienza sposta sempre gli equilibriammette il Robben di Puglia – il gioco di Ciccio aiuta molto noi attaccanti, mentre D’Elia è un grandissimo terzino. Lo conoscevo già da un anno e mezzo“.
Dopo aver assistito alle sue ennesime prodezze, è normale chiedersi come mai un calciatore così dotato non calchi ancora in modo stabile i campi di serie A. A questa domanda, l’attaccante si fa inizialmente leggermente malinconico per poi tirare fuori tutta la carica che ha dentro: “Me lo sono sempre chiesto anche io e non sono riuscito mai a trovare una risposta. Non so se sia un problema mio o degli altri (sorride n.d.r.). Io provo a migliorarmi continuamente. Ogni anno si dice che possa essere quello buono per la mia definitiva consacrazione. Spero che stavolta sia davvero la stagione giusta, sia per me che per la squadra“.






About Tommaso Di Lernia 444 Articoli
E' il Direttore Responsabile della Testata. Giornalista Pubblicista dal 2002 e tifoso da sempre "unicamente" del Bari. Citazione preferita: "Chi non si aspetta l'inaspettato, non scoprirà la verità" [Eraclito].

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*