Grosso contro Zeman: tradizione vs il nuovo che avanza! In comune il bel calcio…

Generazioni a confronto sulle panchine di Bari e Pescara



Share
Fabio Grosso
Fabio Grosso

Quella di stasera tra Bari e Pescara non è solo un match sentito che vede contrapposte due città di mare, affacciate entrambe sull’Adriatico, ma è anche una gara tra due tecnici tanto diversi quanto simili. Si affrontano infatti il coach più anziano e quello più giovane della categoria.

Il primo, Zdenek Zeman, settanta primavere lo scorso Maggio, è una conoscenza tanto longeva quanto innovativa del calcio italiano. Apprezzato soprattutto al Meridione, ha allenato Lecce, Foggia, Avellino, Napoli, Salernitana, Palermo, Messina, ma anche le due squadre della capitale. Si è fatto conoscere nel panorama calcistico italiano per il suo modo di intendere il calcio: propositivo e spettacolare. Stabilitosi in Italia per motivi storico-bellici (era a Palermo, squadra che ha poi allenato, in vacanza dallo zio quando a Praga, sua città natale, scoppiò una insurrezione chiamata “La Primavera di Praga“), ha persino ispirato un famosissimo cantautore italiano come Luciano Venditti che in suo onore ha scritto “La coscienza di Zeman“. Proprio in Puglia le sue esperienze migliori: il suo Foggia dei miracoli é infatti ricordato come “Zemanlandia” per via delle prodezze che i rossoneri compirono con lui in panca, mentre a Lecce ha ottenuto tre salvezze di fila con i salentini.

Dall’altra parte Fabio Grosso. Romano d’adozione, ma cresciuto a Pescara, non ancora quarentenne è alla prima esperienza in cadetteria dopo aver allenato la primavera della Juventus. Famoso in tutto il mondo per aver trasformato con freddezza il rigore che ha deciso la finale contro la Francia nei campionati mondiali di Germania 2006, anche lui propone un calcio improntato all’attacco.

Nel 1977, anno di nascita del tecnico barese, il ceco sedeva già sulle panchine delle squadre di calcio. Nello specifico allenava le giovanili del Palermo, squadra con la quale Grosso ha disputato ben 90 presenze segnando anche due reti.

Generazioni a confronto che stasera si ritroveranno una di fronte all’altra, a viso aperto, in una sfida davvero affascinante per questa categoria.








About Andrea Giotta 361 Articoli

Collaboratore e Pubblicista dal settembre 2017. Si occupa di qualsiasi argomento attinente al calcio

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*