Da ‘San Siro’ a ‘San Siro’, dal Bari alla Nazionale. Splendori e macerie di mister Ventura

Tutto è finito in quello stesso stadio dove il tecnico genovese aveva (ri)cominciato ad imporsi. Fine di un ciclo, fallimento di vasta portata



Share

Come nel più drammatico dei thriller. Tutto è finito esattamente dov’era cominciato, per Giampiero Ventura: Milano, stadio ‘San Siro’, la scala del calcio. Insieme, da ieri, si sono incontrati il punto più alto e quello più basso della sua carriera da allenatore. Dal Bari alla Nazionale, un viaggio lungo 8 anni. Nel mezzo anche una proficua esperienza nel Torino, riportato in Europa dopo vent’anni e nel 2014.

LUCI A SAN SIRO – Fa male, tanto male, ripensare a quel che è stato il tecnico genovese ed a ciò che invece è adesso. Almeno dal punto di vista di un tifoso del Bari. E’ ancora nella memoria collettiva quel 23 agosto 2009. Un Bari dato per spacciato da tutti: bookmakers in primis. Lui però ci credeva, era convinto di poter “mettere in imbarazzo Mourinho”. Ci riuscì, con un 1-1 contro i futuri campioni d’Europa dell’Inter che poteva convertirsi in vittoria. Non male per uno che qualche mese prima aveva ‘rischiato’ di restare in B e ripartire dalla Triestina. A fine campionato arrivò il decimo posto in A con record di punti (50), prima del crollo nel torneo successivo. Nessuno in precedenza era riuscito a fare di meglio dal 1946/47 (stagione del 7° posto, ndr). Quindi la rapida risalita col Torino sino al ritorno dei granata in Europa League. A lui inoltre il privilegio di essere stato il primo a far trionfare a Bilbao una squadra italiana.

OMBRE A SAN SIRO –
Già, le convinzioni. Le stesse che ha provato ad ostentare in azzurro sino in fondo, pur non avendone mai avute per davvero. Quel “andremo al mondiale” è un’espressione che verrà ricordata a lungo, già inizia a suonare come beffarda. Anche qui, così com’era capitato in biancorosso, Ventura ha rilevato Conte: ma se in Puglia fu determinante la continuità del progetto tecnico-tattico, in nazionale il vero peccato originale si è verificato nel voler cercare ad ogni costo una nuova idea di calcio. Come? Ragionando come un club e senza tenere conto dell’inadeguatezza degli interpreti a disposizione. Così sono nate la vittorie sofferte contro Albania, Israele o Macedonia, la sconfitta contro la Spagna ed il fatale incontro dell’andata a Stoccolma contro la Svezia. Il ‘sacro furore’ di ieri è arrivato troppo tardi, grinta ed orgoglio talvolta non bastano. Il tecnico genovese dopo la disfatta di Madrid ha percepito con mano tensione e nervosismo, ha perso la bussola: ai tempi del Bari significò la fine della sua epopea, in azzurro è successa esattamente la stessa cosa. Questione anche di mimica e sguardi, gli occhi valgono più di mille parole. Corsi e ricorsi storici.

E’ IL CANTO DEL CIGNO DOPO 8 ANNI – La stessa persona, lo stesso allenatore, due volti diversi. La Nazionale aveva rappresentato un premio per quanto seminato in carriera: un’opportunità figlia – oltre che della gavetta dei primi tempi – soprattutto del miracolo in terra di Bari e che è stata malamente sprecata. Ieri, 13 novembre 2017, l’Italia sportiva ha perso, tutti in ginocchio. E non solo contro la Svezia. A 69 anni (è nato nel 1948, ndr) treni del genere non ne passeranno più. No, non doveva finire così, Giampiero. Arrivederci ‘mister libidine’…








About Domenico Brandonisio 1177 Articoli

Collaboratore ed aspirante Pubblicista. Si occupa di qualsiasi argomento attinente al calcio di Bari e Provincia

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*