Guarna e quel pazzo venerdì che spianò la strada a Micai. Ieri compagni, oggi avversari

Fino al febbraio 2016 il portiere calabrese era titolare inamovibile. Poi la sconfitta contro i pitagorici aprì nuovi orizzonti a Micai



Share
Bari-Crotone 2-3, febbraio 2016. Galletti in vantaggio a meno di 10 minuti dalla fine, prima del pasticcio firmato da Guarna e Donkor. Fu l'ultima partita del portiere calabrese in biancorosso
Bari-Crotone 2-3, febbraio 2016. Galletti in vantaggio a meno di 10 minuti dalla fine, prima del pasticcio firmato da Guarna e Donkor. Fu l’ultima partita del portiere calabrese in biancorosso

Bari-Foggia sarà anche la sfida dei corsi e ricorsi storici, soprattutto tra i pali. Per la prima volta Alessandro Micai ed Enrico Guarna si ritroveranno da avversari e dopo aver vissuto assieme le due stagioni dell’era Paparesta (2014/15 e 2015/16). La fine dell’avventura barese del secondo coincise con l’esplosione del primo. Ed il calabrese passò al Foggia.

GUARNA E QUEL PAZZO VENERDI’ – 5 febbraio 2016. Quello fu il giorno di Bari-Crotone 2-3. La squadra di Juric, in piena corsa per la promozione diretta in A, si ritrovava in svantaggio per 2-1 a meno di dieci minuti dalla fine. Poi, all’84’, un incredibile malinteso tra Donkor e soprattutto Guarna (poi espulso, ndr) ridusse i galletti in inferiorità numerica e permise ai pitagorici di pareggiare con Torromino (su rigore) e trovare la rete del vantaggio al 92′ con Budimir. Non bastò un eroico Maniero – che di mestiere è in realtà attaccante – ad evitare il ribaltone. Quella sconfitta, per Guarna, coincise anche con la sua ultima apparizione in biancorosso. Brutto chiudere così la lunga avventura a Bari, che pure l’aveva visto tra i principali protagonisti – soltanto due anni prima – della cavalcata post-fallimento verso i playoff di Serie B. Eccezion fatta per la breve parentesi con Antonio Donnarumma (si, l’attuale riserva di Gigio al Milan), il suo posto da titolare era sempre stato fuori discussione. Nel luglio 2014 fu messo da parte da Mangia dopo una papera in amichevole contro la Lazio, poi ritrovò la sua collocazione tra i pali sotto le gestioni Nicola e Camplone. Fino, appunto, a quel pazzo venerdì.

L’AMBIZIOSO EREDE MICAI – Un famoso detto barese recita: “Dal guasto nasce l’aggiusto”. Devono averlo pensato – a posteriori – molti tifosi del Bari. Dopo una fine c’è sempre un nuovo inizio. Quello di Alessandro Micai: un felice connubio che dura ancora adesso e con convinzione. Il mantovano, che già aveva esordito coi galletti nel maggio 2015 contro il Brescia, iniziò a trovare una certa costanza tra i pali a partire dalla sfida del ‘Partenio’ contro l’Avellino (favorita, poi, dal rigore parato a Castaldo). Salvo una brevissima alternanza con Ichazo, questo giovane classe 1993 ha fin ora difeso ottimamente la porta del Bari. Checché se ne dica. E dire che a gennaio 2016 poteva essere girato in prestito in Lega Pro e che nell’estate del 2014 era partito come terzo portiere e dopo un bel campionato col Sudtirol. L’obiettivo attuale? Conquistare la Serie A coi galletti. Un traguardo che Guarna ha visto sfumare in un’altra, maledetta, serata: quella del ‘Francioni’ di Latina.

DOMENICA DA AVVERSARI, COME ALTRI EX – Ci si aspetta una bella competizione tra i due nel lunch match del ‘San Nicola’. Recente passato e presente del Bari Calcio. Così come Fedele, Fedato e Camporese. Come andrà a finire? In bocca al lupo a tutti.






About Domenico Brandonisio 1295 Articoli

Collaboratore ed aspirante Pubblicista. Si occupa di qualsiasi argomento attinente al calcio di Bari e Provincia

4 Comments

  1. Dai tutti al botteghino: vai con il progressivo,ma li riempiamo sto stadio oppure no!l’Italia calcistica ci guarda,niente cazzate rispetto per tutti e mi raccomando,domenica ogni persona portasse la sciarpa biancorossa e sollevarla quando si canta l’inno!Dale,Dale Bari.Sogliano mi raccomando diamo una sistemazione a Tonucci che è inguardabile,e dentro Diakite’ per rinforzare in altezza e potenza la retroguardia e se vuoi pescare Gazzi dall’Alessandria qui non ce n’è per nessuno.Formazione per domenica,davanti a 50.000 spettattori(Sperando che anche i tifosi foggiani possono assistere a un grande spettacolo fatto di tifo genuino),Micai,Anderson, Capradossi,Gyomber,Fiamozzi,Basha,Petriccione.Tello,Impronta,Calano,Visse.Dale,Dale,Bari!

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*