Bari, senti Paparesta: “Presi tanti giocatori in questi anni, forse anche troppi. Auguro la A ai galletti, ma quel playoff col Latina…”

Le parole dell'ex presidente sul momento dei galletti e non solo



Intervenuto nel corso di ‘Speciale Calciomercato’, trasmissione in onda su Sportitalia, Gianluca Paparesta è tornato a parlare delle vicende sportive dei galletti. L’ex presidente augura un futuro importante ai biancorossi: “Sono il primo tifoso del Bari, mi auguro che la squadra possa finalmente riuscire a salire in Serie A. Per quanto mi riguarda, siamo riusciti ad arrivare due volte ai playoff. Nel 2014 il traguardo ci è sfuggito a causa di quel maledetto Bari-Latina con sessantamila persone allo stadio. Diciamo che in quella circostanza è mancata un po’ di fortuna”.

Questa la sua analisi sul mercato: “Devo dire che negli ultimi anni è stato fatto un mercato importante. Sono stati presi tanti giocatori, forse anche troppi. Tanto è vero che adesso ci sono diversi elementi in esubero o fuori rosa. Penso a Martinho e Greco, presi quasi come delle scommesse perché non giocavano da tanto. In difesa è stato preso Diakité, a questo punto penso che Tonucci e Capradossi siano in uscita. Quella pugliese è una piazza che pretende tanto, mi auguro che chi arrivi faccia del suo meglio. Serve gente fresca. Memushaj? Ottimo giocatore, può servire in questo momento. Punte? Ce ne sono troppe. A parte Galano che segna con continuità, ricordo Floro Flores, Cissè, Improta e soprattutto Kozak. Il ceco non gioca da 4 anni e solo ora si sta riprendendo. Avrà bisogno di tempo”.





About Domenico Brandonisio 2279 Articoli
Collaboratore ed aspirante Pubblicista. Si occupa di qualsiasi argomento attinente al calcio di Bari e Provincia

14 Comments

  1. Soltanto un presidente metteva soldi suoi e tanti ma tanti e ora qualcuno incomincia a vergognarsi di ciò che è successo dopo di Lui, I signori portati non a “investire” con i soldi propri ma a cercare di fare soldi ed anche tanti con gli affari vedi rifacimento dello stadio!!!

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*