Spagnuolo (La Bari siamo noi) a BNP: “Il sogno è giocare in Europa. Nuovi club a Sidney ed in Cina”

La nostra intervista al presidente dell'associazione 'La Bari siamo noi'


Share

BARI – Bari, sinonimo di orgoglio e passione. Parola di Franco Spagnuolo, che al nostro portale si esprime su passato, presente e futuro dei galletti e della sua associazione ‘La Bari siamo noi’: “Ho vissuto una quarantina d’anni al seguito del Bari, in tutti i modi. Quella di oggi è stata una giornata che è andata aldilà delle imprese calcistiche del club, si è parlato della sua storia. L’auspicio è che questa strada possa diventare la sede prescelta per festeggiare ogni compleanno dei galletti. Il sogno? Sempre lo stesso. Prendere l’aereo per fare qualche trasferta in Europa”.

Quale il ricordo più bello al seguito del Bari e quale il più brutto? “Parto dal più brutto. Ricordo ancora quando un certo Giovanni Loseto, allora alle prime armi, dovette tirare un calcio di rigore decisivo contro il Monza. Nessuno dei senatori della squadra volle prendersi questo onere. L’esecuzione dal dischetto fu sbagliata ed i galletti nel 1983 retrocessero in Serie C. Lo ritengo un trauma superiore rispetto alla trasferta di Venezia, perché l’anno prima sfiorammo la A con Catuzzi. Il ricordo più bello, invece, è legato al Bari di Conte e soprattutto a quello di Ventura. Sfiorammo la Uefa, poi tutto svanì. Ancora oggi ci chiediamo come sia stato possibile non vincere in trasferta contro Siena e Livorno, chiudemmo solo al decimo posto”.

C’è ottimismo, infine, sul futuro del club: “Lo vedo roseo, la società sta puntellando tutti i vari aspetti che contano. E’ importante prendere per mano i punti cardine e puntellarli. Nuovi club si stanno aprendo a Sidney ed uno anche in Cina”.






About Domenico Brandonisio 2214 Articoli
Collaboratore ed aspirante Pubblicista. Si occupa di qualsiasi argomento attinente al calcio di Bari e Provincia

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*