Monopoli, Scienza: “Domani sarà una battaglia e dovremo farci trovare pronti. Sounas e Doudou recuperati.”

Le parole del tecnico del monopoli alla vigilia della trasferta calabrese



Alla vigilia del match in programma domani pomeriggio a Rende, il tecnico del Monopoli Giuseppe Scienza ha parlato della sfida contro i calabresi nella consueta conferenza stampa al ‘Veneziani’: “E’ stata una settimana un po’ strana, c’è stato un accumulo di energie psichiche e fisiche di questi mesi che si è fatto sentire. In più si sono accumulate le squalifiche che disturbano molto. Ci sarà l’occasione per chi ha giocato di meno, vedrò di mettere in campo la migliore formazione possibile, tutti devono farsi trovare pronti. Ho fiducia in chi giocherà, è stata una settimana però difficile. Mi auguro che i ragazzi abbiano la stessa voglia, la stessa grinta che hanno avuto in questi mesi per affrontare il match di domani. E’ un’opportunità per poter fare un salto in classifica e, dunque, se vogliamo far risultato dovremo fare una grande prestazione contro un avversario scomodo come il Rende.


Situazione indisponibili: “Si è aggiunto qualche problemino nelle ultime ore ma lo risolveremo. Da un poco fastidio perché ripeto abbiamo avuto una settimana difficile, visto il momento e abbiamo fatto solo sedute di scarico. Sounas e Doudou stanno meglio, era uno di quelli che mi preoccupavano di più. Sono entrambi recuperati.

Su Russo e Paolucci, il tecnico ha affermato: “E’ importante aver dato loro minutaggio per poter fare in modo di farli tornare al 100%. Domani credo, però, che sarà una partita dove potremo mettere in campo solo coloro che staranno al meglio e dunque valuterò quali giocatori schierare titolari. Voglio un Monopoli da battaglia per poter vincere la partita.”

Sul prossimo avversario, il Rende, un punto in 5 partite, Scienza ha concluso così: “Prolungare la serie negativa sarebbe drammatico per loro, entrerebbero in un tunnel senza uscita. Sarà una partita di grande agonismo e dovremo farci trovare pronti a reggere l’urto. Chi giocherà dovrà mettersi in testa prima di far la ‘guerra’ e poi di giocare. Ho in mente una squadra più arcigna e imprevedibile davanti. Troveremo una squadra con assetto da guerra per uscire dalla crisi e dovremo farci trovare pronti.

 





About Francesco Margiotta 835 Articoli
Collaboratore e Giornalista Pubblicista. Si occupa di qualsiasi argomento attinente al calcio.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*