Floro Flores: “Segnare è stata una liberazione, il “San Nicola” deve tornare ad essere il nostro fortino”

Le parole del centravanti barese dopo il Novara


Share

Tornato al goal dopo un digiuno che durava dal 28 ottobre del 2017, allora andò in goal contro l’Ascoli, l’autore del pareggio biancorosso Antonio Floro Flores è intervenuto nella zona mista del “San Nicola” per discutere circa la sfida tra Bari e Novara: “Sono sincero – ha così aperto l’intervista soffermandosi sul presunto fallo da rigore da lui commesso poi  non concesso ai piemontesi –  il mio tocco di mano in area di rigore c’è stato ci è andata bene che non è stata concessa dal direttore di gara la massima punizione, però anche un fallo su Galano da rigore non è stato sanzionato, quindi alla fine ritengo sia giusto così. Il goal – ha poi proseguito –  ha per me un valore molto importante, vorrei dedicarlo al mio compagno di squadra Mattia Cassani che sta attraversando un periodo complicato in famiglia, a parte questo per me segare è stata una liberazione, perchè ultimamente non ho raccolto i frutti del mio lavoro, sono contento soprattutto per la squadra, considerando come si era messa la partita era importante riacciuffare il pareggio, purtroppo siamo partiti così come avevamo chiuso la gara a Pescara, di questo ne parlavo con Brienza,  eravamo carichi di tensione e questo non ci ha di certo aiutati nell’appropriare correttamente la gara”.

Parlando dell’inversione di marcia in casa e delle occasioni perse per puntare alle posizioni alte della graduatoria cadetta, il pensiero della punta napoletana è stato come sempre schietto e deciso: Il “San Nicola” fino a qualche mese fa era il nostro punto di forza, gli avversari qui non avevano vita facile, ora dobbiamo far si che torni come era, già  sabato avremo l’occasione per rifarci, nel girone di ritorno abbiamo avuto molte occasioni poi sfumate per fare il cosiddetto salto di qualità, purtroppo non ci siamo riusciti, siamo consci che dobbiamo metterci qualcosa in più, le gente da noi si aspetta tanto perchè sa il valore di queso gruppo, noi ci sopportiamo a vicenda con i compagni, seguendo alla lettera le indicazioni del mister”.






About Andrea Giotta 958 Articoli
Collaboratore e Pubblicista dal settembre 2017. Si occupa di qualsiasi argomento attinente al calcio

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*