M. Anaclerio a “Il calcio che ci piace”: “Solo il Parma più forte del Bari. Che ricordi quell’esordio a Reggio Calabria.”

Il capitano dell'Omnia bitonto, ex biancorosso, ai nostri microfoni


Share

L’ex calciatore del Bari Michele Anaclerio è intervenuto questo pomeriggio nel corso della trasmissione radiofonica “Il Calcio che ci piace” andata in onda sulle frequenze di Radio Manbassa e condotta da Marcello Mancino, coadiuvato da Domenico Brandonisio e Francesco Margiotta.

Queste le dichiarazioni dell’attuale capitano dell’Omnia Bitonto: “Il Bari quest’anno può contare su una rosa molto importante, superiore a mio avviso anche a quella del Palermo, solo il Parma ritengo essere più forte dei galletti, in Sicilia i biancorossi infatti hanno dato una grande prova di orgoglio e carattere pareggiando la sfida anche in 9 uomini. In questo torneo mi ha colpito maggiormente lo scozzese Liam Henderson, per il suo carattere combattivo molto simile a quello barese.

Della mia militanza con la maglia del Bari – ha dichiarato l’ex di  sono personalmente legato a due episodi: il primo non può che essere l’esordio in quel di Reggio Calabria, in serie A, davanti a 30.000 spettatori, nel 2001, poi la mia prima  rete al “San Nicola” con l’Albinoleffe è un altro tassello importante della mia carriera, per me vestire la casacca biancorossa è sempre stato un sogno essendo il Bari la squadra di cui sono tifoso. L’unico cruccio che ho è quello di essere stato perso alle buste per poche migliaia di euro nel 2008 prima dell’annata trionfale con mister Antonio Conte”.

Sbilanciandosi sul Cittadella, ipotetico avversario dei galletti nei playoff, ecco che Anaclerio ha detto: “Quando si arriva ai play off si azzera tutto, per me contano molto la testa ed il  fisico , se queste due componenti stanno bene è tutto più facile, temo molto i veneti perché venendo a Bari non avrebbero nulla da perdere, vincendo sarebbero degli eroi, ma di contro il Bari potrebbe essere soggetto a pressioni non indifferenti dettate dalla voglia di far risultato”.

Io sono arrivato all’Omnia Bitonto a Dicembre quando eravamo a 12 punti dai playoff e, ho sempre creduto in questo progetto nonostante mi volesse il Taranto, la nostra società è molto seria e solida, ora siamo nelle fasi nazionali degli spareggi e dobbiamo giocarcela contro tutti”. 






About Andrea Giotta 1013 Articoli
Collaboratore e Pubblicista dal settembre 2017. Si occupa di qualsiasi argomento attinente al calcio

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*