FC Bari, tensioni nel CdA: le prossime ore cruciali per il futuro del club biancorosso.

Momenti di grande apprensione per il futuro del calcio a Bari


Share

Ore di grande apprensione per i tifosi biancorossi: durante il CdA per la ricapitalizzazione del club biancorosso, scrivono i colleghi di ‘Antennasud’, si sarebbe creata una frattura interna fra i vari componenti e, addirittura, una parte del Consiglio di Amministrazione avrebbe fatto ritorno dalla capitale a Bari. Fra questi ci sarebbe l’Avvocato Francesco Biga. I problemi sarebbero stati evidenziati dalla modalità di ricapitalizzazione proposta dal socio di maggioranza Cosmo Giancaspro. Le prossime ore saranno cruciali per il futuro del calcio nel capoluogo pugliese.






About Francesco Margiotta 598 Articoli
Collaboratore ed aspirante Pubblicista. Si occupa di qualsiasi argomento attinente al calcio

9 Comments

  1. Piccola riflessione da tifoso (quasi) fallito. Non siamo il Parma. È vero. Noi siamo il Bari. E a mio modo di vedere ciò che dovremmo sperare ha più a che fare con ciò che è avvenuto a Napoli o a Firenze, piuttosto che in Emilia. Serve un imprenditore serio che ci rilevi da un fallimento vero, non pilotato, e che inizi un ciclo di programmazione partendo da zero. Ci aiuterebbero diritti tv pagati anche in serie D (a Parma, Napoli e Firenze si fece) e la domanda a Bari potrebbe esserci, come un importante seguito giornalistico che raggiunge tifosi anche fuori regione. Una concessione a lunga scadenza dello stadio a un soggetto credibile per davvero sarebbe la ciliegina sulla torta. Solo un pazzo acquisterebbe da un potenziale truffatore (stando alle dichiarazioni del suo “Socio” Paparesta) ciò che fra un mese potrà avere senza debiti e con enormi possibilità di resa. Ci basterebbe la competenza, quella che fin qui è mancata (da quando sono nato, intendo, quindi almeno da 36 anni). Coraggio Bari. Ripartiamo. #lanottepiùlunga

  2. Ricominciare dalla Serie D…significa debellare il calcio a Bari…noi non siamo Napoli Firenze o Parma….a noi nessuno ci considera, l’abbiamo visto anche nell’ultimo campionato “professionistico” …figuriamoci nei dilettanti come saremmo considerati il nulla! Giancaspro deve solo vergognarsi sta distruggendo 110 anni di passione…dico io…non hai soldi…cedi e vattene pagliaccio!

  3. Spero che si salvi il bari e poi i signori proprietari attuali che fanno ridere vendano la squadra a qualcuno che può sostenerla economicamente e che se nn è chiedere troppo abbia risorse x salire.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*