Campionati nel caos, lotta infinita nei piani alti e come sempre ad essere penalizzati sono i tifosi.

Confusione totale e ancora incertezza sugli inizi dei campionati di C e D



Un’intera estate di interrogativi, caos, confusione totale e arrivati quasi a metà settembre non si sa ancora nulla sul futuro di tanti club di C e D: quando inizieranno i prossimi campionati? Per quanto riguarda la terza serie ancora non sono stati formulati i calendari, in attesa della decisione del CONI, che dovrebbe ripristinare la B a 22 squadre e così dare il via ai famosi ripescaggi: tre squadre nel campionato cadetto, già iniziato da due settimane con 19 partecipanti e 4 in serie C per raggiungere 60 club partecipanti. Venerdì doveva essere il giorno decisivo, ma dopo la riunione del Coni c’è stato un ulteriore rinvio verso le ore 19 a martedì prossimo, giustificato dal fatto che in un solo giorno non può essere deciso il futuro di tante compagini. Il vero motivo, invece, è che per salvare poltrone nei piani alti si continua a rinviare e a non rischiare di prendere decisioni significative che, in un modo o nell’altro, potrebbero far venir meno la credibilità di personaggi importanti. Così, viene fortemente penalizzata, come sempre, la passione dei tifosi che vorrebbero tornare su quei gradoni a sostenere i propri colori, invece che restare in disparte in attesa che venga deciso il futuro dei campionati di C e D. Martedì sarà veramente la giornata decisiva? Lo scopriremo presto.






About Francesco Margiotta 835 Articoli
Collaboratore e Giornalista Pubblicista. Si occupa di qualsiasi argomento attinente al calcio.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*