Ad Acireale una vittoria che va oltre i tre punti. E’ un Bari tosto, da garra biancorossa

Promossi i biancorossi al termine di due sfide insidiose. In Sicilia è emerso (ancora) lo strapotere tecnico e mentale


Share

Più forti di tutto. Di un campo in pessime condizioni, delle espulsioni, delle provocazioni sul rettangolo verde. Il Bari supera la duplice prova del 9 contro Locri ed Acireale con grande autorevolezza e garra, volendo prendere in prestito un termine tanto caro a Lele Adani, noto commentatore Sky.

La garra biancorossa, si, perché l’ultima parola spetta al campo. Ai ragazzi di Cornacchini. Che graffiano gli ostacoli con la consueta tabellina del tre (tanti i gol rifilati mediamente a partita alle formazioni avversarie). Usando carattere, personalità. Il ‘Tupparello’ si conferma ancora un campo di sofferenza e dolce per il Bari. Oggi come nel 1994 il primo fattore è legato alla grinta dei granata ed al fattore campo, il secondo all’esito finale. Ora è troppo presto per parlare di promozione, non c’è dubbio. Ma un segnale eloquente è stato lanciato. Rassicurano, poi, i cinque punti di vantaggio sulla Nocerina, attuale seconda classificata.

Parlano chiaro i numeri: 20 gol fatti e 3 subiti, nessuno ha fatto meglio. Dai leader ai più giovani tutti sanno cosa fare in campo. Ritrovati gli attaccanti (Pozzebon e Simeri ancora in gol), c’è da sottolineare anche la grinta dei veterani Brienza e Cacioli: lotta e spirito di sacrificio nonostante l’età che avanza ed i problemi fisici (l’ex Perugia rientra in extremis da una gastroenterite). Mai abbassare la guardia nei momenti migliori (l’ex Bologna ha ‘calmato’ i suoi compagni dopo un gol siglato), mai spaccarsi in quelli più difficili. Ieri in particolare la vittoria è stata sul piano psicologico (gara chiusa in 9, scelte arbitrali molto discutibili e gara combattuta in un clima caldo tra gli interpreti delle due squadre). I due pareggi di fila – che qualche malumore avevano destato – sembrano alle spalle. E il 4-2-3-1 funziona.

Il Bari va, dunque. Al massimo, a gonfie vele. Restando coi piedi ben saldi per terra perché di strada ce n’è ancora tanta da fare…






About Domenico Brandonisio 2272 Articoli
Collaboratore ed aspirante Pubblicista. Si occupa di qualsiasi argomento attinente al calcio di Bari e Provincia

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*