Le pagelle di Cittanovese – Bari: Langella alti e bassi, Iadaresta inconcludente


Share

Prima o poi doveva venire la prima sconfitta stagionale. Resta l’amaro in bocca per un’altra prestazione in tono minore della squadra, messa sotto dagli avversari di turno sia sul piano del gioco che del ritmo. Questa battuta d’arresto ha ringalluzzito la Turris che domenica giocherà sul campo dell’ultima in classifica, prima di ospitare i biancorossi nello contro diretto.

MARFELLA – Ha subìto per la prima volta 3 gol in 90 minuti (ancora uno su punizione) e non ha mostrato la consueta sicurezza, lasciandosi sfuggire più volte il pallone dalle mani INSICURO 5,5

ALOISI – Non è riuscito a tenere il diretto avversario, lo scatenato Napolitano, che ha bucato più volta la difesa ed è stato protagonista nelle azioni del primo e terzo gol calabrese.  HA BALLATO TROPPO  5

DI CESARE – E’ l’unico che ha retto in una certa misura la difesa, spazzando l’area e cercando di riavviare l’azione della squadra con lunghi lanci. Inutili le sue proiezioni  in avanti. TAMPONA FINCHE’ PUO’ 6

CACIOLI – Ha concesso troppo spazio a Abayan, autore del momentaneo pareggio ed è intervenuto talvolta fuori misura, meritando anche un cartellino giallo. CONCEDE TROPPO  5,5

NANNINI – Sulla sua fascia l’altro esterno, Cataldi, ha goduto di troppa libertà. Mezzo punto in più per il secondo gol che ha alimentato nel finale le speranze di pareggio.  FATICA A DIFENDERE  6

HAMLILI – Appare in fase involutiva. Non è più il pilastro del centrocampo biancorosso. Non fa filtro e commette troppi falli. E’ rimasto in campo poco meno di un’ora.  POCHE IDEE  5,5

SIMERI – Cornacchini  ha sostituito Hamlili con lui per consentire al Bari di schierarsi con il 4-4-2. Ha dato maggiore vivacità in avanti ed ha recuperato una palla difficile trasformandola in assist per il gol di Nannini.  SGOBBA TANTO  6

BOLZONI – Era il faro del centrocampo barese: Da alcune settimane non riesce più ad impostare con raziocinio e lucidità e si limita a interdire e effettuare lunghi lanci che favoriscono i difensori avversari.  SOTTO TONO  5,5

LANGELLA – Inizio promettente: con caparbietà ha conquistato in area calabrese il pallone del primo gol. Poi ha finito per naufragare nel centrocampo soffocato dal pressing giallorosso.  ALTI E BASSI   6

NEGLIA –  Solo qualche lampo. La difesa calabrese, molto alta e protetta dal centrocampo, non gli ha lasciato molto spazio e l’esterno biancorosso non è riuscito a dribblare gli avversari.  DELUDENTE  5,5

BRIENZA – Ha rilevato Neglia nell’ultimo quarto d’ora, ma neppure con lui in campo decolla la manovra biancorossa. A RITMO RIDOTTO 5,5

IADARESTA – In novanta  minuti ha effettuato un solo tiro in porta, praltro viziato da un fallo. Non è ancora il centravanti che ha spopolato nel Latina fino a qualche settimana fa.  INCONCLUDENTE  5

FLORIANO –  E’ stato l’attaccante più pericoloso ma ha sciupato un paio di palle gol che avrebbero potuto indirizzare diversamente l’andamento della gara. Cala nella ripresa.  NON TROVA IL GUIZZO 5,5

POZZEBON – E’ entrato in campo al posto di Floriano in pieno recupero nella vana speranza di sfruttare la sua altezza in area. SV

CORNACCHINI – La squadra non ha saputo amministrare il vantaggio iniziale. Mancato il raddoppio, ha subìto un gol assurdo dopo una fuga di Napolitano da metà campo. Nella ripresa non ha saputo cambiare ritmo nonostante i cambi di giocatori e la modifica tattica. SQUADRA LENTA E PREVEDIBILE 5,5

SCATENA – L’arbitro di Avezzano ha tenuto in pugno una gara difficile, disputata ad un ritmo molto sostenuto, soprattutto dai giocatori calabresi. Giuste le ammonizioni. BUONA DIREZIONE 6,5






About Peppino Accettura 180 Articoli
Il nostro collaboratore più navigato. Giornalista Pubblicista dal 1970 ed esperto soprattutto di statistiche e materie economiche.

2 Comments

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*