E’ giunta finalmente l’ora della prima vittoria al “San Nicola”?



Cancellare lo “zero” nella casella delle vittorie interne: non c’è altra alternativa per il Bari che gioca contro la Cavese la quarta partita della stagione al “San Nicola”.


La squadra campana si presenta come avversario ideale per consentire ai biancorossi di conquistare i 3 punti della prima vittoria in casa: nelle 3 trasferte finora giocate, i biancoblu di Campilongo hanno sempre perso, segnando 1 sola rete e subendone ben 11.

E questa partita può costituire anche l’occasione per i biancorossi di sbloccarsi in zona-gol. Solo 8 reti segnate in 7 partite non rappresentano certo un dato positivo, tanto più che solo 2 sono state realizzate su azione, quella di D’Urso in contropiede a Lentini e l’altra di Ferrari a conclusione di una mischia a Rieti. Oltre ai 4 rigori trasformati da Antenucci, infatti, i gol di Sabbione contro la Reggina e di Simeri a Picerno sono scaturiti da altrettanti calci d’angolo.  

In occasione della sconfitta subìta ad opera della Viterbese e dei 2 pareggi rimediati contro Monopoli e Reggina, la squadra biancorossa è stata regolarmente sovrastata dagli avversari, sul piano del gioco, della tattica e della condizione fisica.

Ora sembra proprio che ci sia un cambiamento radicale: la “cura” Vivarini ha dato i primi frutti a Picerno, dove il Bari ha mostrato una chiara superiorità ma soprattutto ha impedito ai lucani di fare gioco. Distanze corte fra i reparti, pressing a tutto campo, velocità nell’esecuzione delle azioni hanno contraddistinto la prestazione della squadra. Adesso il nuovo tecnico deve trovare per Antenucci la posizione in campo che gli consenta di muoversi con più libertà e cercare con maggiore insistenza la porta avversaria.

Con il nuovo tecnico in panchina Campilongo, subentrato a Moriero dopo la 4^ giornata, la Cavese ha mostrato qualche progresso. Sono venute le prime due vittorie, entrambe in casa, contro Paganese e Avellino, ma in trasferta i biancoblu non hanno potuto evitare la disfatta di Catania (0-4).

Dopo aver profondamente rinnovato la squadra in estate (sono arrivati 5 difensori, tra cui l’ex D’Ignazio, e 6 attaccanti), nei giorni scorsi la società campana è tornata sul mercato degli svincolati per tesserare il centrocampista Bulevardi (già Robur Siena) e l’attaccante esterno Sandomenico (già Reggina).

Le 6 reti all’attivo (peggio hanno fatto solo Teramo, con 1 partita in meno, Rende e Bisceglie) portano la firma di Di Roberto (2  di cui 1 rigore), Addessi, Germinale, Russotto e Matino.

I precedenti tra le due squadre sono estremamente favorevoli al Bari che ha ospitato i campani sul suo campo 3 volte, 1 in Coppa Italia (5-0) e 2 in serie B (5-0 nel 1981 e 3-1 nel 1982).

La gara sarà diretta dal sig. Luca Angelucci, iscritto alla sezione di Foligno. E’ al secondo anno in serie C ed ha arbitrato in totale 17 partite, 6 nel girone A, 5 nel girone B e ancora 6 nel girone meridionale. I cartellini gialli sono stati 63, 4 le espulsioni e 6 i calci di rigore concessi. In questa stagione ha già diretto Albinoleffe-Pianese 0-0 e Arezzo-Juventus U23 1-2 nel girone settentrionale, Triestina-Arzignano 3-0 nel girone B e Monopoli-Vibonese 1-0 nel girone C. Il bilancio complessivo è di ben 7 vittorie per le squadre in trasferta, 5 pareggi e altrettanti successi per le formazioni di casa, E’ un arbitro, dunque, poco favorevole alle squadre che giocano sul proprio terreno, ma c’è da dire che delle 7 vittorie in trasferta ben 4 sono state registrate nel girone A, dove evidentemente l’atmosfera è un po’ diversa. Nel girone meridionale, più “infuocato” come è risaputo, il successo esterno è stato 1 solo, nell’ottobre scorso, quello del Rende a Francavilla col risultato di 2-1 per i calabresi.  

L’incontro sarà trasmesso  in diretta TV da ELEVEN  SPORTS e in radiocronaca da RADIOBARI . Fischio d’inizio allo stadio “San Nicola” alle ore 15.





About Peppino Accettura 223 Articoli
Il nostro collaboratore più navigato. Giornalista Pubblicista dal 1970 ed esperto soprattutto di statistiche e materie economiche.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*