STATISTICHE E CURIOSITA’ – Bari: una novità il cambio in panchina e quei troppi gialli…



Da tre anni non si verificava un esonero nel corso del campionato sulla panchina del Bari. L’ultima volta fu Colantuono, a novembre del 2016, in serie B, a sostituire alla 14^ giornata Stellone. A fine campionato, Colantuono non fu confermato e venne chiamato Grosso. Il Bari fu eliminato ai play-off dal Cittadella ma il fallimento commerciale della società fece precipitare la squadra in serie D.


Il neo allenatore, Giovanni Cornacchini, assunto dal nuovo presidente Luigi De Laurentiis, concluse la stagione 2018/19 con la promozione in serie C, impresa che gli valse la conferma. I primi risultati deludenti hanno indotto la proprietà all’avvicendamento con Vivarini, tecnico molto esperto della Lega Pro. Contro la Ternana, per il mister abruzzese sarà la panchina numero 202 nella terza serie nazionale. Il bilancio è attualmente di 88 vittorie, 65 pareggi e 48 sconfitte.  Esattamente la metà sono invece le presenze in serie B: 101 con 25 successi, 42 pareggi e 34 sconfitte.

VALZER DI ALLENATORI – Le vicende di Bari non costituiscono un’eccezione. Nel campionato di serie C si sono disputate solo 8 giornate e sono già tanti gli allenatori esonerati, precisamente 8.

Ha cominciato già in piena estate il Catania (2 luglio) a sostituire Sottil con Camplone, seguito poco più di un mese dopo dalla Viterbese che il 20 agosto ha chiamato Lopez al posto di Calabro. Dopo 2 giornate, nel Monopoli, Scienza ha preso il posto di Roselli e dopo la 4^ partita nella Cavese Moriero ha lasciato la panchina a Campilongo. Poi i cambi si sono succeduti a raffica. Una settimana dopo è stata la volta di Cornacchini, sostituito da Vivarini.  Dopo la 6^ giornata Tricarico è subentrato a Andreoli sulla panchina del Rende, quindi dopo la 7^ il nuovo allenatore del Bisceglie è diventato Pochesci al posto di Vanoli. Ma non è ancora finita. A Rieti è stato esonerato una settimana fa Mariani ma il sostituto non è stato ancora trovato.

ALLARME CARTELLINI GIALLI – Sono già 11 le ammonizioni rimediate dai giocatori biancorossi. La parte del leone l’hanno fatta Hamlili e Di Cesare. Il primo è già arrivato a quota 4 e quindi è diffidato: al prossimo cartellino giallo si fermerà per un turno. Appena dietro c’è il capitano Di Cesare (3) seguito da Perrotta, Terrani, Ferrari e Simeri, tutti ammoniti una sola volta.





About Peppino Accettura 272 Articoli
Il nostro collaboratore più navigato. Giornalista Pubblicista dal 1970 ed esperto soprattutto di statistiche e materie economiche.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*