Il Bari cala il tris di tre vittorie consecutive al San Nicola, battuto il Catanzaro 2-0…



BARI – Nell’undicesima giornata di campionato, turno infrasettimanale, il Bari fa valere la legge del “San Nicola” e, dopo Cavese e Ternana, ottiene la terza vittoria consecutiva ed il sesto risultato utile consecutivo battendo il Catanzaro con il classico punteggio di 2-0 grazie alle reti di Awua al 13’ del primo tempo e del bomber Antenucci al 60’.


LE FORMAZIONI
Tra le fila dei padroni di casa, complice l’assenza di Hamlili per infortunio, mister Vivarini cambia solo due uomini rispetto alla gara di tre giorni fa ad Avellino: Scavone a centrocampo al posto di Schiavone e Antenucci in attacco al fianco di Simeri, oramai inamovibile. Sul fronte calabrese mister Grassadonia, giunto Lunedì, schiera i suoi con il 3-4-3 puntando sulla velocità di Kanoute e i classe 91’ Nicastro e Fischnaller.

LA PARTITA
Davanti a oltre dodicimila spettatori partono forte i biancorossi che sfiorano il gol con un gran tiro di Costa che sfiora il palo alla destra di Di Gennaro. Quattro minuti più tardi arriva il vantaggio dei padroni di casa; uno-due nello stretto Antenucci-Awua con tiro rasoterra “chirurgico” che si infila all’angolino. Primo gol per il centrocampista numero quattordici. I giallorossi, in campo con la maglia da trasferta color blu e numeri gialli, provano a reagire, alzano il proprio baricentro ma non si rendono mai pericolosi dalle parti di Frattali. La ripresa inizia così come era iniziato il match ed il Bari al 65’ raddoppia con Antenucci che “spizza” di testa un cross a giro di Berra ingannando il portiere calabrese sul secondo palo. Sesto gol per l’ex Spal, il secondo su azione dopo i quattro trasformati su calcio di rigore. Al 68’ il Bari va vicino al tris: Simeri si mette in proprio, tiro rasoterra ad incrociare sul secondo palo, è bravo a distendersi Di Gennaro, la difesa poi allontana prima dell’intervento di Antenucci in agguato. A dieci minuti dal novantesimo, il Catanzaro ha una buona palla gol per riaprire il match, punizione battuta velocemente, Kanoute si trova in area piccola sull’esterno, prova il tiro a giro che finisce di poco fuori sopra la traversa.

Il tabellino
BARI-CATANZARO 2-0
BARI: Frattali, Sabbione, Di Cesare (85’ Kupisz), Perrotta, Berra, Costa (75’ Corsinelli), Scavone (55’ Schiavone), Awua (75’ Folorunsho), Bianco (75’ Terrani), Antenucci, Simeri. A disposizione: Liso, Marfella, Esposito, Cascione, Floriano, Neglia, Ferrari. All. Vivarini. 
CATANZARO: Di Gennaro, Martinelli, Figliomeni (74’ Signorini), Quaranta, Statella, Maita, Tascone (65’ Risolo), Favalli (74’ Bianchimano), Nicastro (65’ Giannone), Kanoute, Fischnaller (74’ Casoli). A disposizione: Adamonis, Nicoletti, Cali’, Riggio, Ferreira, Mangini, Pinna. All. Grassadonia. 
ARBITRO: Sig. Daniele Rutella di Enna. assistenti: Daisuke Emanuele Yoshikawa e Giorgio Rinaldi entrambi della sezione di Roma 1.
RETI: 13’ Awua (B), 60’ Antenucci (B).
AMMONITI: Frattali (B); Nicastro, Martinelli e Maita (C).
NOTE: spettatori totali 12.386 (di cui 7.806 abbonati e 4.580 biglietti, di cui 223 ospiti); recuperi: 0’ p.t. , 5’ s.t.





About Marcello Mancino 106 Articoli
Elemento poliedrico e ideatore della trasmissione televisiva "Il calcio che ci piace". Giornalista Pubblicista dal 2009.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*