Antenucci: «Dobbiamo migliorare, serve più concentrazione. Non possiamo permetterci altri passi falsi…»



Il pareggio di domenica scorsa contro la Vibonese ha riportato un po’ tutto l’ambiente barese sulla terra.


A commentare la sfida contro i calabresi a distanza di un paio di giorni è stato Mirco Antenucci. «Sicuramente la nostra intenzione era quella di vincere domenica – ha dichiarato l’attaccante molisano – la Vibonese si è confermata una squadra organizzata capace di esprimere un bel calcio. Non siamo riusciti a portare a a casa l’intera posta, dobbiamo migliorare sotto tanti aspetti, primo fra tutti quello relativo alla concentrazione».

Il 35enne di Termoli, dall’alto della sua esperienza, sa bene che il percorso è ancora lungo e irto di imprevisti: «Da qui alla fine dell’anno dovremo affrontare delle partite difficili, contro avversari che, davanti al Bari, moltiplicheranno forze, agonismo e voglia di vincere. Noi dobbiamo essere ancor più preparati, non solo dal punto di vista tecnico-tattico, ma soprattutto mentale».

Quanto alla classifica e al cammino travolgente della capolista, la punta ex Spal non demorde. «La Reggina sta facendo molto bene – si legge su sscalciobari.it – il tempo per recuperare c’è, ma non possiamo permetterci altri passi falsi, correre anche noi e commettere meno errori possibili».

in chiusura il numero 7 dei galletti ha fatto una chiosa finale: «Si può sempre fare di più, individualmente e come squadra; sta a noi dare di più, non come impegno, quello non è mai mancato, ma come concentrazione, con quella voglia, quel fuoco che ti porta a voler migliorare individualmente, di squadra e ovviamente di categoria. Questo processo richiede tempo, ma dobbiamo fare in modo di accelerare il più possibile, non c’è tempo da perdere».





About Redazione barinelpallone 2385 Articoli
La redazione racconta con passione e professionalità le vicende calcistiche di Bari e provincia. Testata Giornalistica "Barinelpallone", Reg. Trib. Bari R.G. n. 4697/12-11-2015 (Reg. Stampa n.18). Dir. Resp.: dott. T. Di Lernia

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*