Bianco: «Abbiamo provato a giocare, ma il campo ci limitava. Vittoria importante, ma possiamo crescere ancora tanto…»

Le dichiarazioni del centrocampista biancorosso dopo la vittoria del Bari a Pagani



Nella quindicesima giornata di serie C, il Bari ha superato a Pagani un ostacolo piuttosto complicato, anche a causa delle situazioni ambientali che si preannunciavano.


Al termine della gara, queste sono le parole di Raffele Bianco, raccolte da Radiobari: «E’ stata una partita difficile perché le condizioni del campo favorivano più loro che noi. Siamo però usciti bene e ci prendiamo questi tre punti che ci danno grande fiducia e ci fanno continuare questa striscia positiva di risultati senza guardare a nessuno e andando avanti tranquillamente per la nostra strada».

Alla vigilia del match, mister Vivarini aveva messo in guardia i suoi ragazzi chiedendo loro applicazione, carattere e volontà, attributi che la squadra ha puntualmente messo in campo. Il 32enne casertano è d’accordo: «Nei limiti del possibile abbiamo anche provato a giocare, ma è chiaro che un po’ ci mancava la precisione e il campo ci limitava parecchio. Abbiamo provato a fare qualcosa e secondo me si è visto. Abbiamo creato diverse palle gol e nel primo tempo, sebbene il match fosse più equilibrato, abbiamo provato a sbloccarla. Nella ripresa abbiamo secondo me legittimato la vittoria che credo sia importante e meritata».

Del 4-3-1-2 proposto dal tecnico, il numero 21 dei galletti è davvero entusiasta: «E’ un modulo che privilegia di più il possesso palla. Per farlo bene devi avere un gran controllo del pallone per larghi tratti della partita. Se hai di fronte un avversario bravo rischi altrimenti di correre tanto. Quella di oggi è stata una partita particolare perché loro giocavano poco la palla ed è stata una gran battaglia sulle seconde palle. Sicuramente dobbiamo crescere come sicurezza nel possesso e nell’essere più puliti nelle giocate, ma qualcosa di buono penso si stia vedendo come le giocate sugli attaccanti. Possiamo crescere tanto».

Sulla vittoria a tavolino della Reggina, l’ex Perugia preferisce non dannarsi l’anima ed accettare il corso degli eventi pensando solo e soltanto a se stessi: «E’ inutile farsi il sangue amaro. Prima di raggiungere la Reggina, ci sono altre squadre da superare. Non pensiamo agli altri e continuiamo il nostro percorso di crescita. I conti si dovranno fare per forza più avanti e se guardassimo agli altri rischieremmo di avere una visione negativa delle cose. Adesso dobbiamo concentrarci solo su noi stessi e vincere il più possibile. Se poi loro le dovessero vincere tutte, vorrà dire che faremmo loro i complimenti».

L’ultima analisi del centrocampista scuola Juve ha riguardato gli azzurrostellati: «Loro non avevano mai perso in casa e sul proprio terreno sono una squadra completamente diversa rispetto a quella che si vede in trasferta. La partita nascondeva di per sè già tante difficoltà e in più le condizioni climatiche ci hanno messo del loro. E’ importante aver vinto e avere dato seguito ai risultati positivi conseguiti fino ad ora, da due mesi a questa parte».





About Redazione barinelpallone 2593 Articoli
La redazione racconta con passione e professionalità le vicende calcistiche di Bari e provincia. Testata Giornalistica "Barinelpallone", Reg. Trib. Bari R.G. n. 4697/12-11-2015 (Reg. Stampa n.18). Dir. Resp.: dott. T. Di Lernia

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*