Simeri deluso: «Pareggio amaro, non me ne capacito! Forse oggi sono stato troppo altruista… »

Le parole dell'attaccante biancorosso al termine di Bari-Teramo 1-1



BARI – Al termine della gara pareggiata dal Bari contro il Teramo, Simone Simeri (nella foto di A.Piergiovanni) non ha nascosto la propria delusione per aver subito gol a pochi istanti dal triplice fischio.


«C’è tanto amaro in bocca perché non meritavamo assolutamente di pareggiare questa partita – ha esordito l’attaccante biancorosso – anche se il Teramo ha spinto di più negli ultimi dieci-quindici minuti. Cosa ci è mancato? Il mettere al sicuro il risultato. Abbiamo preso gol nel recupero e la sfida si sarebbe dovuta chiudere sull’1-0. Non me ne capacito di questo. Tra l’altro la rete del pareggio ce la siamo fatta noi in quanto si tratta di un autogol. L’ultimo tocco è stato infatti di Perrotta. Me l’ha confermato poco fa. La palla è stata deviata da Ferrari, ha sbattuto sul suo braccio e si è insaccata. Per me non è giusto pareggiare un match del genere. Un nostro demerito c’è e cioè quello di non essere riusciti a portare a casa una gara così».

E’ stato evidente però il calo della squadra di mister Vivarini nei secondi 45 minuti. «Il nostro secondo tempo certamente non è stato allo stesso livello del primo – ha ammesso l’ex Juve Stabia – ma non abbiamo giocato così male al punto da meritare di pareggiare. Non abbiamo creato tante occasioni importanti nella ripresa, ma il pallino del gioco è stato in mano di entrambi».

Quando, nel corso della gara, il numero 9 dei galletti ha preferito servire Hamlili più che concludere a rete, probabilmente ha agito più per altruismo che per la fame del bomber. «Non era una posizione ideale per calciare in porta – si difende il 26enne partenopeo – io sono un attaccante e lì devo cercare di fare qualcosa in più. Forse è un mio difetto, ma talvolta sono più propenso a servire chi sta posizionato meglio di me e in quella situazione ho visto che Zaccaria stava tagliando con i tempi giusti. Se avesse tirato di prima, invece di tentare di stopparla, probabilmente l’azione sarebbe finita diversamente. Antenucci? Con Mirco l’intesa è cresciuta e sta crescendo sempre più. Cerchiamo sempre di migliorarci e anche oggi abbiamo fraseggiato bene. Lui, poi, ha fatto oggi un altro grandissimo gol. Certamente entrambi avremmo però potuto fare meglio».





About Tommaso Di Lernia 377 Articoli
E' il Direttore Responsabile della Testata. Giornalista Pubblicista dal 2002 e tifoso da sempre "unicamente" del Bari. Citazione preferita: "Chi non si aspetta l'inaspettato, non scoprirà la verità" [Eraclito].

9 Comments

  1. Noi siamo Antenucci dipendente .Ne Simeri ne gli altri sono giocatori per vincere i playoff perche il primo posto credo e andato. La nostra maglia e pesante .Serve un altro goleador e un fantasista che fa asist e anche gol

  2. Simeri imparare a giocare X il rispetto della maglia che indossi non si gioca solo sotto la curva nord x fare u trmon con le tue esultanze ched leng t Lia tra da mocc napoletano di merda p mo po u rest tu dig a quan dig iiiii

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*