Tricarico (all. Rende): «Abbiamo sfiorato per primi il vantaggio, ma non siamo stati cattivi sottoporta. Sarà difficile per il Bari riprendere la Reggina…»

Le dichiarazioni del tecnico dei calabresi al termine del match perso contro il Bari



La gara contro il Bari non è stata affatto semplice per il Rende che ha dovuto oggi cedere ben presto le armi non potendo opporsi alla caratura tecnica decisamente superiore dell’avversario.


Andrea Tricarico non ha potuto che ammettere questa evidenza tradottasi poi nel 3-0 finale.

«Non era assolutamente semplice affrontare il Bari – ha esordito l’allenatore del Rende ai microfoni di Radiobari – però i ragazzi si sono ben comportati e a mio avviso hanno fatto il possibile. Nel primo tempo siamo stati puniti in maniera eccessiva. Sullo 0-0 chi ha avuto per primo la possibilità di andare in vantaggio è stato proprio il Rende. Purtroppo non siamo stati efficaci e cattivi sottoporta e sull’azione successiva, sebbene ci fosse un fallo dubbio su Scimia, abbiamo preso l’1-0. Sul secondo gol invece siamo stati un po’ ingenui perché eravamo in netta superiorità numerica e avremmo dovuto comportarci in maniera diversa. Nel secondo tempo siamo ripartiti bene e con Collocolo abbiamo avuto l’opportunità di accorciare le distanze, ma abbiamo calciato ancora in maniera troppo “educata e tenera” tra le braccia del portiere. Dopo il rigore e l’espulsione, non c’è altro da commentare».

Dopo aver affrontato in successione, nell’arco di pochi giorni, sia la Reggina che il Bari, il mister ha detto la sua sul duello a distanza tra le due corrazzate del campionato: «Sono sicuramente due grandi squadre e in questo momento la Reggina ha il vantaggio di avere 10 punti in più. Non sono pochi, ma il calcio è imprevedibile. Siccome ci sono ancora tantissimi punti a disposizione, nulla è detto ed il Bari ha sicuramente le potenzialità e tutte le carte in regola per recuperare. Deve però non sbagliare più nulla e deve sperare negli eventuali passi falsi della Reggina. Se però la capolista è questa, sarà difficile secondo me recuperare il divario che si è creato».

In chiusura il 36enne cosentino ha speso due laconiche parole anche sulle probabilità di salvezza del Rende: «Queste sono state due settimane difficilissime e mi aspettavo delle indicazioni importanti che ho peraltro avuto. Non sono queste certamente le partite nelle quali sperare di fare punti pesanti, ma i ragazzi sono in crescita e mi lasciano ben sperare. Abbiamo l’obbligo e il dovere di crederci fino alla fine del torneo».





About Redazione barinelpallone 2498 Articoli
La redazione racconta con passione e professionalità le vicende calcistiche di Bari e provincia. Testata Giornalistica "Barinelpallone", Reg. Trib. Bari R.G. n. 4697/12-11-2015 (Reg. Stampa n.18). Dir. Resp.: dott. T. Di Lernia

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*