Caiata (pres. Potenza): «Se parlo, mi squalificano per 4 mesi, non è mai rigore per noi! Il pareggio sarebbe stato giusto. Mi dimetto….»

Le dichiarazioni del presidente dei lucani al termine della gara persa 2-1 a Bari



BARI – Nel finale della gara persa a Bari, il Potenza ha avuto molto da ridire su una decisione dell’arbitro che ha ritenuto involontario un tocco di mano in area di Costa.


Nelle ultime 52 partite i lucani hanno usufruito solo di due rigori a favore e a commentare tale dato è stato nel post partita il loro presidente che poi, oltre a recriminare, ha anche analizzato il match. «Non è mai rigore per noi – ha esordito ironicamente Salvatore Caiatapreferisco riderci sopra. Se parlo, mi squalificano per 4 mesi ed è meglio non dire molte cose. Voglio solo fare i complimenti alla mia squadra e al mio mister per come sono venuti qui a giocarsela alla pari contro una squadra così importante. Secondo me è stata una gara straordinaria. Abbiamo sofferto nel primo tempo quando il Bari ha oggettivamente giocato meglio, mentre noi siamo stati un po’ rinunciatari e bassi. Può darsi che abbiamo pagato inizialmente lo scotto di giocare in uno stadio del genere. Poi però abbiamo preso confidenza e abbiamo giocato bene venendo fuori alla distanza. Il mister ha poi fatto due cambi ed ha scelto un modulo diverso disponendo la squadra con un 3-5-2. Nel secondo tempo abbiamo fatto completamente noi la partita. Credo che il pareggio sarebbe stato il risultato più giusto. Andiamo via da Bari con la convinzione di essere una buona squadra. Siamo usciti fra i complimenti degli addetti ai lavori e degli spettatori che in tribuna mi hanno fermato. Siamo sereni e al contempo rammaricati per non aver portato via alcun punto. Il calcio è così, certe volte raccogli di più di quello che fai, certe volte di meno, come accaduto oggi».

Il massimo dirigente rossoblù ha quindi parlato di alcuni singoli: «Secondo me sarebbe dovuta finire 2-2 perché il gol di Emerson vale doppio. Vedere una prodezza così non capita tutti i giorni in nessuna categoria. Mi piace rendere merito inoltre anche ad Antonello Giosa che oggi ha dimostrato di essere un vero fuoriclasse. Un giocatore di un’altra categoria al quale ci tengo a fare i miei più vivi complimenti. Ha veramente ritrovato la verve della serie A, dimostrando di essere un giocatore che potrebbe giocare ancora ad altissimi livelli attraverso una prestazione maiuscola. Nel Bari voglio menzionare Sabbione che in area è stato secondo me determinante in almeno tre o quattro occasioni, quando di testa ha anticipato quelle che sembravano palle molto pericolose».

In chiusura il numero uno della società lucana ha fatto un annuncio: «Vi comunico che mi dimetto dal consiglio di Lega. Ne saprete di più nelle prossime ore».





About Tommaso Di Lernia 400 Articoli
E' il Direttore Responsabile della Testata. Giornalista Pubblicista dal 2002 e tifoso da sempre "unicamente" del Bari. Citazione preferita: "Chi non si aspetta l'inaspettato, non scoprirà la verità" [Eraclito].

10 Comments

  1. Per non dire che la sua squadra ottimo organico dalla difesa al centrocampo ….ma davanti un po’ scarsi …di che si lamenta ? Sono molto più rigori quelli che non ci hanno dato a noi… il Bari ha fatto un’ottima partita .

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*