STATISTICHE E CURIOSITA’ – Il girone d’andata del Bari



DIECI PUNTI E’ UN DISTACCO INCOLMABILE?
La Reggina ha chiuso il girone di andata a quota 49 punti, con un vantaggio di 10 lunghezze su Bari e Potenza, ferme a 39. E’ davvero incolmabile questo distacco? Certo, non appare un’impresa facile, ma c’è un recente precedente che testimonia l’impossibilità di mantenere lo stesso ritmo elevatissimo anche nella seconda metà del campionato. E’ accaduto l’anno scorso, quando la Juve Stabia ha conquistato 44 punti (5 in meno dei calabresi) nelle prime 19 partite. Nel girone di ritorno le “vespe” campane hanno accusato un calo considerevole, raccogliendo  solo 34 punti, cioè ben 10 in meno rispetto all’andata. Il Trapani invece conservò un ritmo di marcia costante, ottenendo lo stesso bottino, 37 punti, sia all’andata che al ritorno. I siciliani chiusero la stagione al secondo posto con 76 punti, solo 1 in meno dei campani, ma conquistarono ugualmente la promozione in B vincendo i playoff.


BARI IRRESISTIBILE IN TRASFERTA
Lontano dal “San Nicola” il Bari si trasforma. La squadra di Vivarini è infatti in testa alla classifica dei punti ottenuti fuori casa, ben 23 (su 30 disponibili), 1 un più persino della Reggina e 2 in più della Ternana. Queste formazioni hanno disputato 10 partite in trasferta. Dietro seguono Monopoli e Potenza con 16 punti, ottenuti però nelle 9 gare giocate fuori casa nel girone di andata. 
Nelle partite casalinghe, invece, il bilancio dei biancorossi è assai deludente. Appena 16 punti conquistati in 9 partite, una media buona solo per la salvezza. Basti pensare che la Reggina al “Granillo” ha fatto l’en plein di 27 punti, frutto di 9 successi in altrettante gare.

PARTITE SENZA SCONFITTE
La serie positiva del Bari (14 giornate) è seconda solo a quella della Reggina (19 partite): i calabresi non hanno mai perso finora ma anche i biancorossi sono imbattuti dal giorno in cui a Vivarini è stata affidata la panchina.Nelle prime 5 giornate, la squadra guidata da Cornacchini si era fermata a quota 7 (2 vittorie, 1 pareggio e 2 sconfitte) perdendo punti nei confronti di tutte le migliori, Ternana (-5), Reggina (-4), Potenza (-3) e Monopoli (-2). Grazie alle 14 gare della serie positiva, i biancorossi di Vivarini hanno annullato il distacco guadagnando anche un leggero vantaggio su tutte le altre, ad eccezione della capolista Reggina. La classifica parziale degli ultimi 3 mesi, dal 29 settembre a oggi, vede infatti in testa i calabresi con 38 punti (su 42 disponibili), seguiti dal Bari con 32, dal Potenza con 29 dal Monopoli con 28 e dalla Ternana con 25. Le altre squadre sono più staccate, a cominciare dalla Vibonese con 22 e dal Teramo con 21.





About Peppino Accettura 256 Articoli
Il nostro collaboratore più navigato. Giornalista Pubblicista dal 1970 ed esperto soprattutto di statistiche e materie economiche.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*