Beni (all. Rieti): «Dovremo fare la partita perfetta, e anche qualche cosa di più. Bari merita altri palcoscenici…»



Alla vigilia della trasferta di Bari, l’allenatore del Rieti è oggi intervenuto in conferenza stampa.


Roberto Beni è consapevole che la sfida contro i galletti pugliesi è estremamente proibitiva per i suoi ragazzi: «Se vogliamo portare a casa qualcosa, dovremo fare la partita perfetta, e anche qualche cosa di più. Vedo allenare i ragazzi sempre al massimo e sono sicuro che al “San Nicola” daremo tutto quello che è nelle nostre possibilità. Il campo darà poi il suo responso. Ora il Bari e poi la Ternana? In generale, mi piacerebbe giocarmela con tutti con mentalità, seguendo in campo le nostre filosofie di gioco, così come fatto contro il Rende e, a dir la verità un po’ meno, contro il Picerno».

Il 52enne di San Benedetto del Tronto ha solo parole lusinghiere per il prossimo avversario: «Cosa temo di più del Bari? Un po’ tutto! La squadra, pubblico, l’ambiente. La piazza di Bari è una potenza per questa categoria ed ha una squadra tecnicamente superiore alla media. Non ci sono giocatori dei quali non preoccuparsi. Ho avuto la fortuna di allenare lì ed è una piazza che merita davvero di calcare ben altri palcoscenici».

Anche il mister avversario riscuote la stima di Beni che su Vincenzo Vivarini ha espresso i seguenti giudizi: «Ho lavorato con lui quando ho allenato a Pescara con Ballardini. Una persona estremamente seria e che stimo tantissimo. Il suo curriculum parla per lui. Quindici risultati utili consecutivi? Sono tanti, beato lui…».

L’ex Vice di Colantuono (è stato per un breve periodo con lui a Bari) ha le idee chiare anche sul modulo da utilizzare domani pomeriggio: «Penso che giocheremo a specchio e cioè con un 4-3-1-2. Abbiamo provato in settimana e da un mese stiamo provando questo schieramento. Chi giocherà da trequartista, dietro le due punte? Lo decideremo domani. I disponibili? Esposito è squalificato, mentre Bellopede è infortunato. Per il resto ci sono tutti. I nuovi arrivati? Non è facile in questo momento portare a Rieti giocatori di un certo livello. Sono tre ragazzi di primo livello, hanno grosse motivazioni e sono contento di averli con noi anche perché numericamente siamo stretti». in chiusura il mister dei laziali amarantocelesti ha discusso delle voci che circolano sul suo ipotetico sollevamento dall’incarico: «Io mi devo concentrare solo sul mio lavoro, con entusiasmo, altrimenti si rischia di impazzire. Quando mi telefoneranno e mi comunicheranno che sarò stato esonerato, prenderò la valigia e tornerò a casa, consapevole di aver fatto il massimo per le possibilità che ci sono state. Tra me e la proprietà credo ci sia comunque ottima partecipazione, anche se da me si dice che se si muovono le foglie, da qualche parte tira vento…».





About Tommaso Di Lernia 431 Articoli
E' il Direttore Responsabile della Testata. Giornalista Pubblicista dal 2002 e tifoso da sempre "unicamente" del Bari. Citazione preferita: "Chi non si aspetta l'inaspettato, non scoprirà la verità" [Eraclito].

1 Comment

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*