Scavone: «Fa piacere tornare a giocare. Il gol mi manca! Dobbiamo chiuderle prima. L’infortunio di Di Cesare…»

Le dichiarazioni del centrocampista biancorosso al termine di Bari-Rieti 5-2



BARI – Oggi è finalmente tornato a giocare dal primo minuto e a collezionare un minutaggio importante, dopo un periodo di appannamento legato anche ad alcuni problemi fisici. Manuel Scavone, al termine della gara vinta dal Bari contro il Rieti, ha così esternato la propria soddisfazione in conferenza stampa: «Fa piacere tornare a giocare. Nel girone d’andata ho avuto parecchi problemi che non mi hanno mai fatto trovare la continuità di cui ho bisogno. Adesso speriamo di aver lasciato tutto alle spalle e di trovare appunto quella continuità che possa poi permettermi di sfruttare al meglio le mie caratteristiche».


A chi gli ha chiesto quanto gli manchi il gol, il centrocampista del Bari non ha usato mezzi termini: «Parecchio! Oggi ho avuto un’occasione che avrei potuto sfruttare meglio e ho fatto qualche altro inserimento. Ci sto lavorando e col mister stiamo cercando di trovare soluzioni di gioco che permettano di far segnare i centrocampisti. Spero di trovare presto la via della rete».

La rosa diventa sempre più numerosa nel suo reparto. A centrocampo ci sono tanti elementi, ma questo non lo spaventa affatto. «E’ normale che ogni calciatore vorrebbe giocare il più possibile e dall’inizio – ha chiarito il 32enne di Bolzano – sappiamo che giochiamo nel Bari, dove ci sono giocatori molto bravi, e ben vanga questo se si vuole lottare per il vertice. Più elementi di qualità ci sono, meglio è. E’ ovvio che ognuno debba mettersi a disposizione del gruppo e, se capita di stare fuori, bisogna poi sfruttare i momenti che il mister ti concede per dimostrare il proprio valore».

Dopo il doppio vantaggio, il Bari è sembrato oggi un po’ rinunciatario. Si è leggermente seduto, dando l’impressione di voler gestire il risultato. Di questo avviso non è il numero #29 dei galletti che invece reputa siano altri i problemi evidenziati contro i laziali amarantocelesti: «Non penso che oggi i problemi siano stati quelli di esserci abbassati troppo. Credo invece che abbia pesato il fatto di avere creato molte occasioni per fare gol e di aver avuto l’occasione di chiudere la gara molto prima, senza riuscirci. In questo dobbiamo migliorare affinché si possano sfruttare le occasioni che abbiamo e si possa riuscire a chiudere la partita non permettendo agli avversari di rientrare in gioco in alcun modo. Oggi siamo stati poco lucidi in quei momenti, ma poi abbiamo trovato per fortuna gli altri gol, ma va bene anche così. Anche il mister negli spogliatoi ci ha detto che dobbiamo chiuderle prime perché ci sta che una giocata o un pizzico di fortuna da parte degli avversari permetta loro di trovare la via giusta per segnare».

L’ex Parma e Lecce ha infine speso due parole sul compagno Di Cesare, uscito nel corso del primo tempo per infortunio: «Valerio è un po’ preoccupato e l’ho visto un po’ giù. Durante lo scontro di gioco ha sentito un rumore strano nel ginocchio. Vediamo gli accertamenti che esito diano e speriamo non sia nulla di grave, sia per lui che per noi».





About Tommaso Di Lernia 439 Articoli
E' il Direttore Responsabile della Testata. Giornalista Pubblicista dal 2002 e tifoso da sempre "unicamente" del Bari. Citazione preferita: "Chi non si aspetta l'inaspettato, non scoprirà la verità" [Eraclito].

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*