Vivarini: «A Reggio sarà una bella partita, ma non decisiva. Di Cesare? C’è ottimismo! Sono curioso di vedere…»

Le dichiarazioni del tecnico biancorosso alla vigilia del big match Reggina-Bari



Alla vigilia di una gara a dir poco fondamentale per il campionato del Bari, il suo allenatore è molto carico, come tutta la squadra.


Vincenzo Vivarini non vede l’ora di giocare al “Granillo” ed in conferenza stampa ha così descritto il match contro la Reggina, in programma domenica pomeriggio: «Quella di domenica è una partita che vale tanto, ma non sarà decisiva, in un senso o nell’altro. A livello personale sono partite che mi piacciono tanto, c’è poco da lavorare in preparazione, soprattutto sull’aspetto mentale. Poco da dire, poco da fare, sono sfide che si preparano da sole ed ho riscontrato grande attenzione in allenamento».

La formazione calabrese è reduce da una inaspettata sconfitta interna contro la Virtus Francavilla, ma resta un’autentica corazzata per la serie C. Di questo, il tecnico abruzzese dei biancorossi ne è consapevole e le sue parole lo confermano: «E’ una squadra forte, tatticamente e fisicamente, con un’identità precisa, un po’ come noi. In difficoltà? Tutte le squadra possono attraversare momenti meno brillanti, è capitato anche a noi. A Reggio per fare la nostra partita, con la nostra forza, la nostra qualità. Sarà una bella partita di livello alto, non da Lega Pro. Bella anche sugli spalti, con un tifo importante».

Il mister dei galletti è impaziente di capire quali progressi il gruppo stia facendo e quali siano le risposte dei suoi giocatori ad un appuntamento davvero di cartello. «Sono curioso di vedere la maturazione della squadra in un match di alta classifica – ha confessato il 53enne di Ari – E’ importante vedere se riusciremo a fare il nostro gioco e ad incanalare nel giusto modo la gara. A fine girone d’andata eravamo più in palla, ora ci stiamo piano ritrovando. Noi abbiamo intrapreso un percorso con la Società: attrezzare la squadra al meglio e giocare al meglio, cercando sempre il miglioramento. A Bari c’è un solo obiettivo, vincere, sempre, indipendentemente dalla categoria».

Le ultime considerazioni dell’ex Ascoli ed Empoli hanno riguardato la formazione che intende far scendere in campo dall’inizio e le scelte a cui è chiamato a prendere. «Il Bari, per essere all’altezza del suo campionato – si legge sul sito ufficiale della società – ha bisogno di giocatori importanti e in questo gruppo sono tutti importanti, non solo i titolari. Abbiamo diversi giocatori duttili, specie a centrocampo, sta a me fare le scelte migliori. Orgoglioso della coppia d’attacco certo, ci lavoriamo tanto, e sono migliorati tanto nella sincronia, bravi loro, senza dimenticare D’Ursi, ci darà una grande mano. Di Cesare? Siamo ottimisti per domenica, oggi si è allenato, spero di averlo a disposizione».





About Redazione barinelpallone 2691 Articoli
La redazione racconta con passione e professionalità le vicende calcistiche di Bari e provincia. Testata Giornalistica "Barinelpallone", Reg. Trib. Bari R.G. n. 4697/12-11-2015 (Reg. Stampa n.18). Dir. Resp.: dott. T. Di Lernia

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*