Sabbione: «Contento per il gol, al prossimo vinco una cena! Peccato non aver centrato il successo, ma il Monopoli andava a tremila…»

Le dichiarazioni del difensore del Bari dopo il pareggio per 2-2 nel derby di Monopoli



MONOPOLI (BA) – Al termine della gara tra Monopoli e Bari, per commentare il 2-2 finale, in sala stampa si è presentato per i biancorossi Alessio Sabbione.


Il difensore è stato l’autore del 2-2 che in definitiva ha permesso alla sua squadra di riprendere in mano la partita e nel post gara la gioia per il proprio gol gliela si legge in faccia in modo estremamente visibile. «Sono contento per questo mio quarto gol – ha esordito Il 28enne genovese – con il ds Matteo Scala c’è una scommessa e se dovessi arrivare a quota cinque, mi pagherebbe una cena (sorride n.d.r.). Dispiace invece per il pareggio in quanto ci tenevano tanto a vincere questa partita. Il pareggio va comunque bene».

Gli avversari si sono dimostrati coriacei e ostici. Una formazione che ha davvero rappresentato un ostacolo niente male. Il calciatore ligure non usa mezzi termini: «Oggi abbiamo avuto qualche difficoltà del solito. Secondo me loro avevano impostato la gara per venire a prenderci alti, obbligandoci a scavalcare sistematicamente il centrocampo».

Quanto alla rete biancoverde dell’1-1 di Jefferson, incassata dopo soli pochi minuti dal vantaggio firmato da Antenucci, l’ex Carpi è consapevole che non tutto sia andato al meglio: «Il gol dell’attaccante del Monopoli lo si sarebbe potuto evitare. Si è girato in mezzo a tre di noi in un fazzoletto di campo. Nei video che abbiamo visto in settimana avevamo focalizzato l’attenzione anche su questo e quindi sapevamo bene che lui avrebbe potuto fare giocate del genere».

Paradossalmente il Bari ha subito di meno proprio quando è rimasto in dieci uomini e questa è la spiegazione che si è dato Sabbione a tal proposito: «È un discorso mentale! Quando resti con un uomo di meno è come se ti liberassi delle paure e tenti il tutto per tutto. C’era anche la voglia di vincere la partita e quindi ci siamo sbilanciati in avanti. L’espulsione di Perrotta? Ero vicino e l’impressione che ho avuto io è che ci potessi arrivare perché Fella ha rallentato, ma non so sinceramente se ho visto bene».

Il numero #13 dei galletti ha infine evidenziato una pecca del Bari visto al “Veneziani”: «I molti passaggi sbagliati, soprattutto in fase di impostazione dell’azione, hanno influito sul match. Loro avevano una manovra molto fluida e andavano a tremila. E’ stata comunque una gara combattuta».





About Tommaso Di Lernia 431 Articoli
E' il Direttore Responsabile della Testata. Giornalista Pubblicista dal 2002 e tifoso da sempre "unicamente" del Bari. Citazione preferita: "Chi non si aspetta l'inaspettato, non scoprirà la verità" [Eraclito].

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*