LA PRESENTAZIONE DELLA GARA – Bari: il Picerno non è avversario da temere, ma va rispettato…



Venticinque punti dividono in classifica Bari e Picerno dopo 25 giornate di campionato. Entrambe le squadre provengono dalla serie D avendo vinto i rispettivi gironi, ma hanno affrontato la categoria superiore con ambizioni enormemente diverse.


Il divario in classifica rende chiaramente l’idea della consistenza tecnica delle due squadre, ma la superiorità deve essere dimostrata sul campo. Da questa domenica il Bari deve fare corsa a sé, senza guardare i risultati degli avversari. L’unico obbiettivo da raggiungere alla fine dei 90’ è la vittoria per due motivi: primo, perché solo vincendo il maggior numero di partite i biancorossi possono sperare di sfruttare gli eventuali passi falsi della Reggina, che non mostra la freschezza del girone di andata; secondo, perché c’è da difendere il secondo posto che comporta una serie di privilegi per l’eventuale disputa dei playoff.

Il Bari, intanto deve proseguire nella serie positiva, giunta finora a 20 partite senza sconfitte, per presentarsi nella migliore condizione psicologica alla doppia trasferta in casa della Cavese, domenica prossima, e della Ternana, il mercoledì successivo. Inutile dire che questa partita va affrontata con determinazione e va chiusa subito, senza consentire agli ospiti ogni possibile rimonta.

Il Picerno di Giacomarro si è rinforzato nel mercato invernale con l’arrivo, tra gli altri, dell’ex biancorosso Romizi. In trasferta i rossoblu hanno ottenuto solo 10 punti, frutto di 2 successi e 4 pareggi, rimediando 7 sconfitte. Complessivamente  hanno subìto 30 gol, andando a segno  25 volte. Il cannoniere della squadra è Santaniello, autore di 9 reti (1 rigore), seguito  dall’ucraino Kosovan (assente per squalifica)  e da Esposito con 3 gol. Quest’ultimo li ha realizzati tutti su rigore. Vengono poi Nappello e Pitarresi (2) e infine Bertoldo, Caidi, Guerra, Sparacello Vanacore e Zaffagnini, tutti autori di 1 rete a testa.

Le due squadre si sono incontrate solo 2 volte in partite ufficiali, nel girone di andata e a conclusione del campionato scorso di serie D nella poule scudetto. Sabato 28 settembre, i biancorossi si imposero sul campo lucano con un gol di Simeri allo scadere dei primi 45 minuti. Fu il primo successo per Vivarini. Non era andata altrettanto bene a metà maggio quando il Picerno bloccò il Bari al”San Nicola”sullo 0-0 nel primo turno del triangolare di qualificazione per la conquista dello scudetto di serie D.  La successiva sconfitta ad Avellino escluse definitivamente i biancorossi. Nelle due squadre sono rimasti in pochi: Marfella, Di Cesare, Hamlili e Simeri nel Bari, Fontana, Vanacore, Pitarresi, Esposito, Santaniello e Kosovan nel Picerno.

La partita sarà diretta dal sig. Alessandro Di Graci, iscritto alla sezione di Como. E’ al secondo anno di carriera in Lega Pro ed è un esperto del girone C: infatti ha diretto praticamente metà delle gare (12 su 25) con le squadre meridionali. Nel suo bilancio prevalgono le vittorie in casa, ben 14, ma ha registrato anche 8 successi per le squadre in trasferta (il 30% ) e soltanto 3 pareggi. Ha mostrato i cartellini gialli 133 volte, 6 sono state le espulsioni e 7 i rigori concessi. Non ha precedenti con il Bari ed ha arbitrato una sola volta il Picerno, a novembre di quest’anno, nella trasferta di Terni. La partita si concluse con la vittoria per 2-1 degli umbri che tuttavia faticarono a condurre in porto il risultato e i lucani non sfigurarono sul piano del gioco. Nella stagione passata è stato designato 2 volte in Puglia, a Monopoli e a Francavilla. In entrambe le occasioni vinsero le squadre di casa. Quest’anno nel girone C, oltre a Ternana-Picerno, ha diretto anche Catania-V.Francavilla 2-1, Avellino-Rende 0-0, Potenza-Vibonese 1-0, V.Francavilla-Cavese 1-0, Monopoli-Paganese 0-1 e Bisceglie-Avellino 1-1.

L’incontro sarà trasmesso  in diretta TV da   ELEVEN  SPORTS e in radiocronaca da RADIOBARI . Fischio d’inizio allo stadio “San Nicola” alle ore 17.30





About Peppino Accettura 279 Articoli
Il nostro collaboratore più navigato. Giornalista Pubblicista dal 1970 ed esperto soprattutto di statistiche e materie economiche.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*