LA PRESENTAZIONE DELLA GARA – Bari: vincere a Terni per sperare ancora di agganciare la Reggina…



Il Bari si gioca questa sera a Terni gran parte delle residue possibilità di agganciare la Reggina in testa alla classifica. Comunque, i biancorossi dovranno anche guardarsi alle spalle perché è indispensabile difendere la seconda posizione, che consentirà di ottenere un trattamento privilegiato nei playoff.


E’ molto probabile che Vivarini possa attuare un parziale turnover, considerato che la squadra ha giocato 3 giorni fa contro al Cavese e tornerà in campo fra 4 giorni al “San Nicola” per affrontare l’Avellino.

Sul terreno del “Liberati” (capienza 14.995 posti) Vivarini si troverà di fronte una squadra in difficoltà che non è riuscita a vincere negli ultimi 5 turni. L’ultimo successo, infatti risale alla partita interna con il Rieti, poi sono venuti i pareggi in casa con la Sicula Leonzio e a Monopoli e Catania (il portiere Iannarelli ha neutralizzato un rigore) e le 2 sconfitte, a Reggio Calabria e al “Liberati” ad opera della Virtus Francavilla. I rossoverdi sono rimasti anche a secco di gol negli ultimi 450 minuti.

Nonostante tutto appare tranquilla la posizione del tecnico Fabio Gallo anche perché la formazione umbra è in finale con la Juventus Under 23 nella Coppa Italia di serie C. Va ricordato che la vincente della Coppa entra in lizza nella fase nazionale dei playoff insieme alle terze classificate nei rispettivi gironi.

La Ternana è partita tra le favorite per la promozione ed ha occupato stabilmente una posizione tra le prime della classifica, pur denunciando dei limiti in fase di realizzazione soprattutto in casa. Infatti, i rossoverdi hanno segnato solo 17 gol nelle 13 partite casalinghe. Peggio hanno fatto solo altre 7 squadre.

Le 34 reti portano la firma di 11 giocatori, oltre all’autorete di Martinelli del Catanzaro. In due guidano la classifica dei cannonieri, l’argentino Ferrante e il barese Partipilo (7 reti) seguiti da Vantaggiato (5) e Marilungo (3). Con 2 gol all’attivo vengono Damian, Paghera, Russo e Salzano (1 rig) e con 1 ciascuno chiudono l’elenco Celli, Palumbo e l’eterno Mammarella (38 anni).

Le due squadre si sono incontrate finora 20 volte in Umbria: 19 partite sono state giocate in serie B e 1  sola in Coppa Italia. Complessivamente, il Bari ha vinto 3 gare, ne ha pareggiate 8 e ne ha perso 9, segnando 16 gol e subendone 28. La prima sfida risale a 52 anni fa e finì 1-1, grazie a Tentorio che trasformò il rigore del pareggio. Le ultime 2 trasferte sono state positive per i biancorossi che hanno pareggiato 0-0 a settembre del 2016 e poi, il 24 febbraio 2018, hanno vinto per 2-1, grazie ai gol di Henderson e Marrone, inframmezzati dal provvisorio pareggio dell’ex Defendi.

 La partita sarà diretta dal sig. Alberto Santoro, iscritto alla sezione di Messina. Nel dicembre scorso è stato premiato quale miglior arbitro siciliano. E’ alla quarta stagione in Lega Pro ed ha arbitrato 53 partite, assegnando 239 ammonizioni e decretando 21 espulsioni e 30 rigori. Quest’ultima cifra è segno di  una certa severità. Particolare curioso: nella partita Renate-Viterbese 2-1 (girone A) del 12 febbraio 2017, Santoro ha concesso ben 3 rigori, tutti trasformati, e ammonito 8 giocatori, 4 per ciascuna squadra. Il suo bilancio è di 23 vittorie casalinghe, 15 pareggi e 15 successi per le squadre in trasferta. Quest’anno ha diretto sia il Bari, nella trasferta a Francavilla conclusa con il successo dei brindisini per 1-0, sia la Ternana, nella partita giocata a Vibo Valentia e finita 1-1. Le altre due gare arbitrate nel girone meridionale sono finite con altrettante vittorie in trasferta: Catanzaro-Potenza 0-2 e Monopoli-Avellino 0-2. Le altre presenze stagionali sono 5 nel girone A e altrettante nel girone B. L’incontro sarà trasmesso  in diretta TV da   ELEVEN  SPORTS e in radiocronaca da RADIOBARI . Il fischio d’inizio allo stadio “Libero Liberati” alle ore 20.45.





About Peppino Accettura 279 Articoli
Il nostro collaboratore più navigato. Giornalista Pubblicista dal 1970 ed esperto soprattutto di statistiche e materie economiche.

1 Comment

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*