Vivarini: «Contento perché la squadra si è sporcata le mani! Dobbiamo blindare il 2° posto. Nell’ultimo quarto d’ora è venuto meno… »

Le dichiarazioni dell'allenatore del Bari al termine della gara vinta al "San Nicola" contro l’Avellino



BARI – Nella conferenza stampa tenutasi al termine della gara vinta per 2-1 dal suo Bari contro l’Avellino, l’allenatore biancorosso Vincenzo Vivarini ha commentato l’esito del match giocatosi al “San Nicola”.


Questa la sua analisi a caldo: «Quando si vince è sempre un qualcosa di straordinario, ma al di là del risultato, oggi sono molto contento perché i miei ragazzi “si sono sporcati le mani”. Sanno tutti che siamo una squadra di alto livello tecnico e che sappiamo stare al meglio in campo. Sono convinto che questa squadra in serie B avrebbe fatto molto bene. Questo però è un campionato da non sottovalutare, nel quale si gioca sporco e nel quale  ci vuole grande umiltà e applicazione. Oggi l’Avellino, nonostante il modesto spessore tecnico, ripartiva con un’aggressività e una cattiveria incredibili. Hanno dimostrato estrema vitalità, voglia di lottare su ogni pallone. Solo essendo bravi a “sporcarci le mani”potremmo riuscire a vincere. Oggi abbiamo giocato con lo spirito giusto. Ho raggiunto oggi le 100 vittorie tra i professionisti? E’ un bel traguardo…».

Il tecnico abruzzese ha poi commentato così il gol del 2-0 di Perrotta: «Fare gol contro Capuano che è un artista sui calci piazzati, mi dà ancora più soddisfazione. Sono sicuro che sia molto avvelenato perché quello schema lo adottano anche loro. Sono però arrabbiato perché abbiamo in classifica 7 lunghezze in meno della Reggina anche a colpa proprio dei calci piazzati che ci hanno fatto perdere diversi punti per strada. Sotto questo aspetto bisogna alzare il livello d’attenzione».

I biancorossi hanno sofferto nel finale di gara ed è questa la spiegazione fornita dal 53enne di Ari: «Nell’ultimo quarto d’ora è venuto meno il coraggio di giocare la palla. Lo abbiamo fatto bene per quasi tutta la partita, ma dobbiamo imparare a soffrire. Ci aspettano delle partite di questo tipo. Ricche di contrasti e agonismo. Hamlili? L’ho visto un pochino impaurito, ma qualche pallone l’ha giocato davvero bene. E’ importante che riacquisisca fiducia ed è indispensabile metterlo in campo. Spero arrivi presto ad avere la migliore condizione».

La chiosa finale, l’ex Ascoli ed Empoli l’ha dedicata al futuro del campionato: «Dobbiamo rimanere concentrati e cercare di fare il massimo, tentando di vincerle tutte. Dobbiamo blindare assolutamente il secondo posto, senza pensare ad altro. Arrivare secondi è un vantaggio enorme. Dobbiamo continuare a migliorarci e a fare prestazioni di alto livello, sia in casa che fuori. La classifica la vedremo alla fine».





About Tommaso Di Lernia 444 Articoli
E' il Direttore Responsabile della Testata. Giornalista Pubblicista dal 2002 e tifoso da sempre "unicamente" del Bari. Citazione preferita: "Chi non si aspetta l'inaspettato, non scoprirà la verità" [Eraclito].

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*