Maita: «Contro il Catanzaro per me non può essere una partita come le altre. Dobbiamo pensare a… »



In piena “emergenza coronavirus”, il Bari si prepara al prossimo impegno di campionato.

Come noto, a Catanzaro si giocherà a porte chiuse (come per tutte le altre giornate in programma nel mese di marzo), una situazione al limite del surreale che però pare essere inevitabile nell’ottica del contenimento dei contagi.

Su questo ha espresso il suo punto di vista il centrocampista biancorosso Mattia Maita. «Giocare a porte chiuse è sempre triste – si legge sul sito ufficiale del club – il calcio è bello con il pubblico, ma l’emergenza impone questo e noi ci adattiamo».

Il numero #28 dei galletti ha giocato diverse stagioni in Calabria e quella contro i giallorossi è una sfida che non può lasciarlo indifferente, come confermano le sue parole: «Quella contro il Catanzaro per me non può essere una partita come le altre. Sono stato lì cinque anni e ho passato momenti bellissimi, per cui sarà una partita speciale. Al di là di questo spero di poter dare il mio contributo per portare a casa quanti più punti possibili».

Il 25enne siciliano è infine entrato maggiormente nel merito del match al “Ceravolo” :«Dobbiamo pensare a fare la nostra partita, sarà dura perché loro sono un avversario temibile. Puntiamo alla prima vittoria esterna del girone di ritorno, ma non sarà semplice, ora i punti pesano tanto per tutti».





About Redazione barinelpallone 2926 Articoli
La redazione racconta con passione e professionalità le vicende calcistiche di Bari e provincia. Testata Giornalistica "Barinelpallone", Reg. Trib. Bari R.G. n. 4697/12-11-2015 (Reg. Stampa n.18). Dir. Resp.: dott. T. Di Lernia

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*