Matteo Scala: «Temo la Ternana, ma conosciamo i loro pregi e difetti. A fare la differenza saranno la cattiveria agonistica e la voglia di vincere…»



Vigilia di Bari-Ternana, aria di play-off. Una partita ostica per i biancorossi, così come ha sostenuto Matteo Scala subito dopo l’esito del sorteggio.

«L’urna non è stata molto favorevole – ha dichiarato il direttore sportivo dei galletti – perché incontreremo un avversario che ritengo essere il più difficile da affrontare e caratterizzato da un grosso potenziale, al pari del Bari. Gli umbri hanno calciatori di primissimo livello e, sebbene fossero un po’ indietro in classifica, vantano un organico uguale a quello delle prime della classe di tutti e tre i gironi. Li temo molto».

La compagine rossoverde preoccupa il ligure anche perché più rodata, avendo disputato diverse partite negli ultimi giorni: «Sarà uno scoglio temibile in quanto sono già testati. Hanno già quattro partite nelle gambe e hanno fatto risultati importanti in gare ufficiali da “dentro o fuori”. Quattro partite sono tante, dopo quattro mesi durante i quali non si è mai giocato e non si è potuto disputare alcuna amichevole. Questo per noi sarà un piccolo handicap».

Quanto alla sfida: «Mi aspetto una partita molto complicata e da prendere con le molle. Troveremo una squadra che ci darà filo da torcere. Loro hanno molti calciatori che sono in grado di sbloccare la partita in qualsiasi momento ed hanno qualità, esperienza e mestiere. Dal punto di vista tecnico-tattico, sarà una partita combattuta I due allenatori sono bravi, stanno preparando benissimo la sfida e sarà quindi il dettaglio a far la differenza, così come la cattiveria agonistica e la voglia di vincere».

L’ex Carpi ha esortato i ragazzi a dare il massimo. «Dobbiamo prestare la massima attenzione – ha chiosato il genovese attraverso i canali ufficiali del club – e non pensare che durante il campionato abbiamo ottenuto quattro punti contro di loro perché, sia in casa che fuori, ci hanno dato filo da torcere. Arrivati a questo punto nessuno trascura nulla. Ci vuole tanta mentalità, attenzione e un po’ di fortuna. Alla fine è l’episodio che determina spesso il passaggio del turno»

La chiusura è una botta di ottimismo: «Giochiamo in casa e conosciamo i loro pregi e difetti. Li abbiamo studiati».





About Redazione barinelpallone 2921 Articoli
La redazione racconta con passione e professionalità le vicende calcistiche di Bari e provincia. Testata Giornalistica "Barinelpallone", Reg. Trib. Bari R.G. n. 4697/12-11-2015 (Reg. Stampa n.18). Dir. Resp.: dott. T. Di Lernia

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*