Di Cesare: «Alla vigilia avevo un po’ di tensione e paura, è stato normale soffrire. La Carrarese? Ora pensiamo a…»



BARI – Contro la Ternana ha svolto egregiamente il suo compito da capitano. Valerio Di Cesare è stato uno dei protagonisti della partita pareggiata dal Bari nei quarti di finale dei play off di serie C e nel post gara ha così commentato attraverso i canali ufficiali del club: «Sono contento e felicissimo perché sapevo che sarebbe stata una partita difficilissima. Loro sono una grandissima squadra e, sebbene siano arrivati quinti in campionato, avevano tutte le qualità per vincere il torneo».

Il difensore centrale biancorosso ha ammesso di aver vissuto un pre partita leggermente più “agitato” del solito, per quanto possa vantare una consolidata esperienza: «Non nego e non mi vergogno a dire che, nonostante i miei 37 anni, alla vigilia del match avvertivo tanta tensione e anche quasi un po’ di paura. Non sono una macchina! Erano quattro mesi che non giocavamo e quindi era molto difficile affrontare la gara. Non sapevamo con esattezza in che condizioni fossimo e in più dovevamo affrontare una squadra che aveva già fatto quattro partite. Secondo me è stato normale soffrire dopo il loro pareggio perché, anche se erano in dieci, la posta in palio era altissima  e la tensione era tanta».

Il numero #6 dei galletti ha poi descritto in breve quanto accaduto in campo: «Abbiamo fatto una buona partita e siamo passati in vantaggio subito, poi abbiamo preso un gol un po’ sfortunato perché Mirco l’ha spizzata e la palla è terminata sui piedi di Vantaggiato che ha fatto un gran tiro da fuori area che ha permesso alla Ternana di cogliere il pareggio».

L’avversario in semifinale si chiama Carrarese (che nel frattempo ha eliminato la Juventus U23), ma il 37enne romano preferisce spostare l’attenzione sul recupero psico-fisico, prima di entrare nuovamente nel clima partita: «Adesso dobbiamo affrontare un’altra grande squadra che in campionato, nel suo girone, è arrivata seconda. Affrontiamo uno step alla volta. Pensiamo a mangiare bene e a riposare perché tutto ciò è importante in questo momento. Dopo affronteremo la Carrarese».

In chiusura l’ex Parma ha voluto dedicare qualche parola ad un avversario che nel corso del match ha subito un infortunio a causa sua: «Vorrei non dico chiedere scusa, ma rivolgere un pensiero a Ferrante che ho saputo aver rimediato un brutto infortunio dopo il mio intervento falloso. Mi dispiace tanto anche se io sono voluto entrare sulla palla e non mi sono neanche accorto di averlo preso. Ho persino protestato con l’arbitro in quell’occasione. Lui è un grande giocatore e quindi spero che non sia nulla di grave».





About Redazione barinelpallone 2926 Articoli
La redazione racconta con passione e professionalità le vicende calcistiche di Bari e provincia. Testata Giornalistica "Barinelpallone", Reg. Trib. Bari R.G. n. 4697/12-11-2015 (Reg. Stampa n.18). Dir. Resp.: dott. T. Di Lernia

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*