Fine del sogno, il Bari perde la finale e resta in serie C. E’ la Reggiana a festeggiare la promozione in B!



Grazie ad un gol di Kargbo nella ripresa la Reggiana si aggiudica la finale dei play off di serie C ai danni del Bari e conquista la serie B dopo 21 anni di assenza dai cadetti. I valori in campo danno ragione agli emiliani e i galletti non riescono a coronare il sogno promozione. Per tutto l’incontro gli uomini di mister Vivarini non danno l’impressione di poter dominare l’avversario mostrando un atteggiamento insicuro e a tratti confusionario. Determinante è sicuramente il gol annullato ad Antenucci per un dubbio fallo di mano del numero 7 dei pugliesi. Il pareggio avrebbe probabilmente cambiato la storia del match, ma alla fine la squadra di Alvini merita di avere la meglio grazie alla maggiore convinzione, alla determinazione e alla caparbietà.


LE FORMAZIONI
Mister Vivarini deve fare a meno solo dell’acciaccato Pinto e schiera tutti gli uomini migliori. Al centro della difesa c’è la coppia composta da Sabbione e Di Cesare, mentre sulle corsie esterne agiscono Ciofani e Costa. Schiavone è la mente del centrocampo, affiancato da Hamlili e Maita che vince il ballottaggio con Scavone. Sulla trequarti c’è come la solito Laribi, a innescare le giocate di Simeri ed Antenucci.
Mister Alvini conferma per dieci undicesimi la squadra che ha conquistato la finale contro il Novara con l’unica eccezione rappresentata da Favalli al posto di Lunetta a centrocampo. La difesa a tre è composta da Rozzio, Spanò, Costa. Radrezza gioca da trequartista, con Zamparo e Kargbo a formare la coppia d’attacco.

LA GARA
I padroni di casa partono col piede pigiato sull’acceleratore e al 3’ un’incursione dalla sinistra di Kargbo è stoppata da Di Cesare.  Sulla successiva azione da corner, Varone colpisce la traversa di testa. Al 6’ Kargbo si invola in solitudine verso la porta barese, supera Frattali con un tocco da sotto, ma il palo interno gli dice di no e sulla ribattuta si fa deviare il tiro in angolo. Simeri deve lasciare il campo per una distorsione alla caviglia e al suo posto entra Costantino. Il Bari sembra intimorito dalla veemenza avversaria e al 23’ Frattali deve alzare oltre la traversa la conclusione dalla distanza di Radrezza. I biancorossi si rendono però pericolosi al 37’ quando Costantino appoggia per Antenucci che salta Libutti, rientra dalla sinistra e con un destro a giro sfiora il palo opposto.
Ad inizio ripresa la Reggiana trova la giocata vincente: Varone effettua un tocco filtrante per Kargbo che fa rimbalzare la sfera e di testa scavalca Frattali firmando l’1-0. Antenucci pareggia al 12’, ma è ammonito dall’arbitro per essersi aiutato con il braccio. Al 19’ Laribi impegna Venturi su punizione, ma è a metà tempo che gli ospiti sfiorano il pari con Antenucci, il cui tentativo è rintuzzato dalla difesa granata. Laribi incrocia bene rasoterra da posizione defilata sul suggerimento di Hamlili, ma sulla respinta dell’estremo difensore emiliano non c’è nessuno dei suoi compagni a ribadire in gol. Vivarini ricorre a forze fresche e prova a dare maggiore spinta offensiva ai suoi inserendo D’Ursi e Terrani. Antenucci spedisce alto di destro da fuori area, mentre Staiti su punizione sfiora l’incrocio dei pali dal limite. Allo scadere il portiere reggiano si distende sulla sua destra per arginare un poderoso destro di Laribi. Non bastano 5’ di recupero al Bari per equilibrare le sorti del match. Termina con lo sconforto dei galletti che dovranno sorbirsi ancora una stagione di serie C.

Tabellino
REGGIO AUDACE-BARI 1-0
REGGIO AUDACE (3-4-1-2): Venturi; Rozzio, Spanò, Costa; Libutti (dal 27′ st Staiti), Rossi (dal 27′ st Lunetta), Varone (dal 41′ st Espeche), Favalli (dal 20′ st Kirwan); Radrezza; Zamparo (dal 20′ st Marchi), Kargbo. A disposizione: Narduzzo, Martinelli, Pellizzari, Serrotti, Zanini, Valencia, Scappini. Allenatore: M.Alvini.
BARI (4-2-3-1): Frattali; Ciofani, Sabbione, Di Cesare, Costa; Hamlili (dal 31′ st Terrani), Schiavone (dal 21′ pt Bianco); Maita (dal 21′ pt Scavone), Laribi, Simeri (dal 7′ pt Costantino, dal 31′ st D’ursi); Antenucci. A disposizione: Marfella, Liso, Berra, Perrotta, Corsinelli, Folorunsho. Allenatore: V.Vivarini.
ARBITRO: sig. D.Paterna della sez. di Teramo. Assistenti: G.Nuzzi della sezione di Valdarno e M.Trincheri della sezione di Milano.
RETI: al 5′ st Kargbo (R).
AMMONITI: Rossi, Staiti e Costa (R); Antenucci e D’ursi (B).
ESPULSO: l’allenatore del Bari Vivarini al 46′ st per proteste.
NOTE: serata calda, terreno in ottime condizioni; angoli: 8-5 per la Reggio Audace; recuperi: 2′ pt e 5′ st; gara a porte chiuse per “emergenza covid”; prima del fischio d’inizio si è osservato un minuto di raccoglimento in memoria dei deceduti per “Covid”.





About Tommaso Di Lernia 444 Articoli
E' il Direttore Responsabile della Testata. Giornalista Pubblicista dal 2002 e tifoso da sempre "unicamente" del Bari. Citazione preferita: "Chi non si aspetta l'inaspettato, non scoprirà la verità" [Eraclito].

5 Comments

  1. Il Bari non ha mai convinto quest’anno e tutto sommato il verdetto, anche se molto amaro, mi pare equo! È passata la squadra che ha meritato di più e soprattutto che ci ha messo più voglia e grinta e questa considerazione rattrista più di tutto!

  2. Vivarini il colpevole . Vince con la carrarese e poi intervistato dice andiamo lì a Reggio sono sicuro che vinciamo. Il Bari non azzecca una al momento giusto delusione sopra delusione

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*