La SSC Bari presenta le nuove casacche: tutte le foto e i video della cerimonia…



Presso l’atrio di palazzo di Città, la SSC Bari ha presentato nei giorni scorsi i nuovi kit di gara. La casacca bianca è piuttosto classica, mentre quella rossa con ha una banda bianca trasversale sul petto. La maglia di colore nero è dotata invece di inserti bianchi e rossi. Le 3 divise sono firmate Kappa e saranno indossate dai galletti per tutta la prossima stagione.


Hanno presenziato all’evento il presidente del club Luigi De Laurentiis, il sindaco di Bari Antonio Decaro e una delegazione della prima squadra formata da capitan Di Cesare, Antenucci e Simeri.

Queste le parole di De Laurentiis: «Sono molto felice di essere qui. È il primo evento in presenza dopo moltissimi mesi e un primo passo verso la ripartenza. Ci stiamo mettendo tutte le nostre energie, ripartendo quasi da zero e sostituendo alcune figure e calciatori. Oggi presentiamo le nuove maglie che sono sempre state un mio pallino, perché devono rappresentare il tifo, la città e l’anima di questa squadra. Ogni anno cerchiamo un punto stilistico diverso. Per questa stagione, grazie a Kappa abbiamo fatto un upgrade, che ci pone come top team. I dettagli di questi kit sono il colletto tagliato, l’inserto a triangolo sulla manica, la cucitura a contrasto sul fianco del pantaloncino e della maglia, oltre alle nuove rifiniture del nostro logo e dei loghi sponsor; anche la vestibilità è diversa, più aderente rispetto alle precedenti. C’è stato un investimento anche su questo. Sarà un anno difficile, ci sono piazze importanti. Ci mancherà avere il nostro pubblico che è da sempre il nostro dodicesimo uomo in campo. Spero duri il meno possibile e che presto si possa tornare allo stadio in sicurezza».

La società ricorda che le maglie sono già disponibili nello store ufficiale SSC Bari in corso Cavour 173 e online su store.sscalciobari.it.

IL VIDEO E LE FOTO





About Angelo Piergiovanni 62 Articoli
E' il nostro factotum. Tecnico audio ed esperto di fotografia e riprese video.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*