Bari cantiere ancora aperto, ma non si può rimandare l’appuntamento con la vittoria al San Nicola…



Il Bari è tuttora un cantiere aperto ma questa circostanza non può rappresentare alcuna attenuante: ai biancorossi si chiede di vincere e incamerare altri 3 punti preziosi. Dopo le delusioni della stagione passata, è importante che l’undici di Auteri guadagni al più presto un buon vantaggio sui concorrenti e metta una seria ipoteca sulla vetta della classifica del girone.

Nel “cantiere” biancorosso si aspettano ancora 2 o 3 elementi. Il rinnovamento è stato finora già radicale, perché i “nuovi” sono ben 9. Del resto, il gioco voluto da Auteri presenta delle caratteristiche totalmente diverse rispetto al campionato scorso e il neo tecnico ha chiesto alla società gli elementi che egli stesso ritiene adeguati alle mutate esigenze tattiche.

Le prime prestazioni appaiono incoraggianti e nonostante il ritardo di alcuni giocatori nella preparazione fisica (Semenzato e Lollo sono addirittura arrivati in questa settimana!) la qualità del gioco biancorosso è notevolmente migliorata rispetto al recente passato.

Sul cammino dei biancorossi si presenta ora il Teramo, che a causa di problemi finanziari ha ridimensionato le proprie aspirazioni. Il presidente Iachini ha scelto Massimo Paci, un allenatore esordiente in C, giovane (42 anni), che da calciatore vanta 185 presenze  in A (Lecce, Ascoli, Parma, Novara e Siena) e 129 in B. Difensore di ruolo, bada molto all’organizzazione del reparto arretrato. Non per niente, al suo Forlì l’anno scorso è stata riconosciuta la migliore difesa del girone D della serie D.

Il suo schema preferito è il 4-2-3-1 con gioco veloce e verticalizzazioni frequenti, grazie ad alcuni elementi-chiave in ogni reparto: Diakité  e Piacentini in difesa, Santoro a centrocampo e Costa Ferreira dietro l’unica punta, Pinzauti o Di Francesco.

I primi risultati della stagione sono stati positivi: vittoria in Coppa Italia a Piacenza (2-1), clamoroso successo in casa sul Palermo (2-0) nella prima di campionato e sconfitta solo su autorete a Reggio Calabria (0-1) nel secondo turno di Coppa.

I precedenti tra le due squadre biancorosse sono davvero curiosi. E’ infatti la terza volta che le due formazioni si incontrano al San Nicola e mai hanno giocato in Abruzzo. La prima gara si doveva giocare in Coppa Italia il 3 settembre 2003 ma il Bari non scese in campo, in quanto aderì alla protesta della serie B per l’allargamento del campionato a 24 squadre, e quindi perse a tavolino per 0-3. La seconda partita si giocò nel girone di andata dello scorso campionato e si concluse sul risultato di 1-1 e infine la gara di ritorno, fissata per il 5 aprile, non si disputò per la sospensione del campionato causa Covid 19.

La gara sarà diretta dal sig. Paolo Bitonti, iscritto alla sezione di Bologna. Ha esordito in C tre anni fa, il 27 agosto 2017, nella gara Mestre-Teramo (1-1). Complessivamente ha diretto 41 partite in serie C, facendo registrare 21 successi per le squadre di casa, 9 pareggi e 11 vittorie esterne, 171 cartellini gialli, 15 espulsioni e 20 rigori assegnati. Nella stagione passata ha arbitrato ben 7 partite del girone meridionale: Rieti-Viterbese 4-2, Monopoli-V.Francavilla 3-0, Ternana-Rende 3-1. Potenza-Bisceglie 1-0, Avellino-Paganese 1-0, l’altra partita del Teramo, dopo l’esordio, nella trasferta di Avellino (successo dei campani per 1-0) e la gara V.Francavilla-Vibonese conclusa con una goleada, 6-2 per i brindisini e ben 3 rigori concessi nei 90 minuti. Nessun precedente con il Bari. L’incontro sarà trasmesso  in diretta TV  da  ELEVEN  SPORTS e in radiocronaca da RADIONORBA . Il fischio d’inizio allo stadio  “San Nicola”  è fissato alle ore 15.00.





About Peppino Accettura 296 Articoli
Il nostro collaboratore più navigato. Giornalista Pubblicista dal 1970 ed esperto soprattutto di statistiche e materie economiche.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*