Auteri: «Vittoria meritata, anche se un po’ sofferta. Abbiamo creato tanto, ma dobbiamo concretizzare di più. Due gol subiti…»

Le dichiarazioni dell'allenatore del Bari al termine della gara esterna vinta dal Bari contro la Cavese



Al termine della gara vinta dal Bari a Cava de’ Tirreni per 3-2, il tecnico biancorosso Gaetano Auteri è apparso decisamente soddisfatto del secondo colpo esterno di questo inizio stagione è ha analizzato il match attraverso un video diffuso dal club. «Sono pienamente soddisfatto delle risposte che ho avuto – ha esordito l’allenatore siciliano – la vittoria è legittima e meritata, seppur arrivata con un po’ di sofferenza, ma faccio i miei complimenti alla Cavese. Abbiamo giocato una grande partita e sarebbe stato un delitto non raccogliere i tre punti, contro un avversario forte che non molla mai e che per mentalità se la gioca sempre. Loro stanno molto bene dal punto di vista fisico perché hanno iniziato la stagione con largo anticipo rispetto a tante altre squadre e perché vengono da una pausa di 9 giorni».

Al 59enne siracusano è piaciuta la prestazione dei suoi uomini, soprattutto perché arrivata in un periodo denso di impegni: «Siamo partiti bene, con autorevolezza, aggredendo sempre e concedendo nulla all’avversario. In alcuni momenti abbiamo allentato i ritmi perché siamo alla quinta partita in 14 giorni e la fatica si fa sentire. Non giochiamo un calcio speculativo e puntiamo sempre sull’intensità, sul ritmo e sulla velocità. Ci sono poi tanti elementi come Candellone, Marras e Semenzato, che non hanno ancora i novanta minuti nelle gambe. Abbiamo creato tanto e abbiamo forse avuto il piccolo torto di non essere riusciti a concretizzare le occasioni costruite. E’ una vittoria importante perché qui non sarà facile per nessuno fare punti».

Quanto al rendimento della sua difesa, l’ex Catanzaro non si scompone: «Abbiamo subito due gol, di cui uno su rigore, ma non abbiamo corso chissà quali pericoli»..

L’ultimo cenno lo meritano i due nuovi acquisti, arrivati l’ultimo giorno di mercato, e schierati nel finale del match: «Non toccavano il pallone da 15 giorni, ma almeno un quarto d’ora erano in grado di giocarlo e in quel momento ho voluto inserirli. Sono entrati bene, abbiamo anche cambiato assetto e si sono persino sacrificati. Citro è un giocatore molto duttile che può fare molte cose. Lui e Montalto avranno bisogno, come altri, di ritrovare la migliore condizione. Il tempo giocherà a nostro favore».





About Tommaso Di Lernia 459 Articoli
E' il Direttore Responsabile della Testata. Giornalista Pubblicista dal 2002 e tifoso da sempre "unicamente" del Bari. Citazione preferita: "Chi non si aspetta l'inaspettato, non scoprirà la verità" [Eraclito].

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*