Bianco: «Quanto successo domenica non deve ricapitare! Ora dobbiamo dare un segnale di risposta…»



Nel derby di Foggia non ha certamente brillato e si è adattato al grigiore della squadra. Raffaele Bianco in realtà ha avuto un inizio di stagione non brillantissima, ma la voglia di riscatto è tanta, così come dichiarato ai microfoni di TeleBari, media partner ufficiale della SSC Bari.

«Il rientro di ieri è un po’ così – ha esordito il 33enne campano – perché sappiamo di aver giocato una brutta partita domenica. C’è stato un confronto fra di noi, direi molto positivo. Ora è importante riprendere il nostro percorso. Quanto successo domenica è una cosa che non deve ricapitare».

Il numero #5 dei galletti ha fatto una serena autocritica a nome della squadra: «La partita, dopo averla rivista singolarmente, la riguarderemo tutti insieme: non ci sono scusanti o alibi, siamo consapevoli di aver giocato al di sotto delle nostre possibilità. Non serve però piangersi addosso. Se riusciremo a prendere spunto da questa sconfitta, riusciremo a fare meglio, ma ognuno di noi sa bene cosa non ha fatto bene e in cosa si deve migliorare».

In chiusura il centrocampista biancorosso si è proiettato alla prossima sfida contro la Juve Stabia. «La partita di domenica vale 3 punti – si legge sul sito internet ufficiale del club –  esattamente come tutte le altre. Dobbiamo dare un segnale di risposta, usando le armi che sappiamo di avere a disposizione. Dopo una sconfitta si tende a vedere tutto nero e a lasciar perdere ciò che di buono è stato fatto. Ma in un campionato, un passo falso ci può stare. L’errore da non fare è portarsi dietro gli strascichi di questa sconfitta. Ognuno di noi è consapevole di cosa ha sbagliato e sono sicuro che già domenica riusciremo a dimostrare e a dimostrarci di che pasta siamo fatti».





About Redazione barinelpallone 2915 Articoli
La redazione racconta con passione e professionalità le vicende calcistiche di Bari e provincia. Testata Giornalistica "Barinelpallone", Reg. Trib. Bari R.G. n. 4697/12-11-2015 (Reg. Stampa n.18). Dir. Resp.: dott. T. Di Lernia

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*