Marras: «L’abbiamo preparata bene. Mi sacrifico sempre per la squadra. Il gol? Non è una mia ossessione…»

Le dichiarazioni del capitano dell'attaccante biancorosso al termine della gara contro la Juve Stabia



BARI – La sua prestazione contro la Juve Stabia è stata decisamente migliore rispetto a quella offerta in occasione del derby di Foggia. Manuel Marras ha giocato soprattutto per i compagni e il suo apporto è stato fondamentale.

Intervistato al termine dell’incontro, Il 27enne genovese ha così commentato il match: «La partita l’abbiamo studiata e preparata bene e sapevamo che avremmo dovuto aggredirli e prenderli alto. Loro giocano sempre da dietro e io ho avuto il compito dal mister di andare a pressare il play. Credo di aver gestito bene questa dinamica di gioco. In fase di non possesso, noi attaccanti abbiamo la libertà di spaziare su tutto il fronte offensivo e quindi ci siamo scambiati spesso di posizione».

A livello personale l’attaccante ligure si ritiene piuttosto soddisfatto, anche se non sia riuscito a mettere la sua firma personale sul risultato finale: «Quelle di sacrificarmi e di correre tanto sono un po’ le mie caratteristiche. Il gol? Nell’arco di un campionato sono importanti e lo stesso vale per un giocatore come me. Segnare però non è la mia ossessione e non lo è mai stata perché c’é il rischio che le situazioni peggiorino. L’importante è che la squadra vinca».

L’ultima riflessione del numero #10 dei galletti ha riguardato gli ultimi giorni un po’ particolari, legati alla positività al Covid di alcuni suoi compagni: «E’ una situazione un po’ così per tutti. Quando accadono queste cose, bisogna concentrarsi sulla partita anche se in questi giorni non è stato facile. Approfitto per fare una dedica a nome della squadra al piccolo tifoso Nicholas, nella speranza di avergli dato almeno una gioia».





About Tommaso Di Lernia 482 Articoli
E' il Direttore Responsabile della Testata. Giornalista Pubblicista dal 2002 e tifoso da sempre "unicamente" del Bari. Citazione preferita: "Chi non si aspetta l'inaspettato, non scoprirà la verità" [Eraclito].

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*