Bari spiumato e cotto allo spiedo! Auteri chiamato ad invertire la rotta per non rimpiangere un’altra stagione…



Peggio di così. Il Bari è stato asfaltato a domicilio da un’ottima Ternana. Merito di ex dal dente avvelenato come Partipilo e Furlan, e di un collettivo che si è dimostrato nettamente superiore a quello biancorosso. Galletti spiumati e cotti allo spiedo, arrostiti a dovere da Chef Lucarelli che ora vola sulle ali della Fera a più sette in classifica. Con pieno merito, giusto sottolinearlo.

E dire che le aspettative, non solo prima di questa partita, ma anche ad inizio stagione, erano differenti. Nessuno si sarebbe mai aspettato, a questo punto della stagione e dopo pochissimo tempo, di trovarsi così lontanamente dalla vetta. Giusto predicare calma, ancor più ricercare equilibrio, ma appare francamente difficile ed anche utopico accettare questa posizione di classifica. Un andamento stagionale che non può e, soprattutto, non deve soddisfare. Lo spettro di veder vincere gli altri, come successo lo scorso anno con la Reggina, si sta materializzando.

Bari vuole vincere, vuole primeggiare, lo dicono storia e blasone. Non è stato confermato Vivarini, è stata rivoluzionata una squadra comunque in grado di arrivare alla finale playoff. Sicuramente la società ha agito per conquistare la serie B. Anche per tale motivazione, è stato chiamato Auteri. Ma se i risultati sono questi, è difficile essere ottimisti. Dopo Foggia, ecco altri tre ceffoni in pieno volto. Sperando che possano risvegliare il Bari da questo letargo autunnale in cui è precipitato. E che non piace per niente.





About Raffaele Garinella 9 Articoli
Medico, specialista in psichiatria, e giornalista pubblicista. Da sempre appassionato di calcio, collabora con diversi giornali, Tv e agenzie stampa.

1 Comment

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*