D’Orazio: «Le mie 200 presenze tra i professionisti? Un bel traguardo! Sto cercando di mettere benzina nelle gambe, ma posso dare di più…»



Dopo aver tirato il fiato a Pagani, contro la Vibonese è stato riproposto come al solito da mister Auteri sull’out sinistro di centrocampo.

Tommaso D’Orazio, laterale del Bari, ha inoltre raggiunto anche un traguardo di tutto rispetto, le 200 presenze nei campionati professionistici, e ai microfoni di Telebari, media partner ufficiale della SSC Bari, ha così commentato tale record personale: «Sono arrivato tardi nei professionisti ed è un peccato perché mi sarebbe piaciuto iniziare prima. Penso che la vita sia un percorso e non rimpiango nulla, vuol dire che quello era il momento giusto per fare il salto. 200 presenze sono un bel traguardo, ma ad oggi sono solo un numero. Sono concentrato totalmente sul nostro obiettivo».

Quanto al momento suo e della squadra, il numero #15 dei galletti ha parlato in maniera chiara e decisa. «La nostra priorità è pensare al campo – si legge sul sito internet ufficiale del club – non farci distrarre da nulla e continuare a lavorare come stiamo facendo. A livello personale sto bene, sto cercando di mettere benzina nelle gambe consapevole che posso e devo dare di più perché posso, è molto importante».

Il 30enne di Guardiagrele ha quindi laconicamente fatto riferimento al prossimo impegno contro l’Avellino: «Domenica arriva un avversario importante, che rispettiamo ma che non temiamo; dovremo affrontarlo con la testa giusta».

In chiusura l’ex Cosenza ha rimarcato quanto sia triste giocare in un “San Nicola” ancora vuoto: «Ovvio che quello che più ci manca è il sostegno dei tifosi, quello che ti possono dare in certi momenti della partita, l’aiuto, la spinta».





About Redazione barinelpallone 3000 Articoli
La redazione racconta con passione e professionalità le vicende calcistiche di Bari e provincia. Testata Giornalistica "Barinelpallone", Reg. Trib. Bari R.G. n. 4697/12-11-2015 (Reg. Stampa n.18). Dir. Resp.: dott. T. Di Lernia

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*