Giancaspro: “Con Colantuono squadra più serena e con mentalità giusta. Ama il suo lavoro, cosi come Sogliano. Bilancio e mercato, vi spiego…”

Le parole del presidente biancorosso in conferenza stampa



Share
2016_07_04_giancaspro_1
Cosmo Giancaspro

Oggi prima della partenza per Ascoli ha parlato in conferenza stampa il presidente del Bari Mino Giancaspro. Il massimo dirigente molfettese è partito elogiando Colantuono e la piazza barese: “Colantuono è riuscito a trasmettere tranquillità e serenità alla squadra. Con il suo arrivo abbiamo ritrovato la mentalità giusta, cancellando la sindrome del saliscendi sotto il profilo delle prestazioni facendolo diventare ben presto un brutto ricordo. La fine dell’anno la vedo abbastanza tranquilla rispetto alla confusione che abbiamo avuto sei mesi fa al momento del mio insediamento come presidente e socio di maggioranza”.
A proposito dell’esonero di Stellone, ecco il suo commento: “E’ stata una scelta ampiamente condivisa, la piazza di Bari è da serie A e non merita la B, abbiamo avvertito l’esigenza di un tecnico più esperto. Stellone non ha avuto la fortuna di dare alla squadra la sua impronta come a Frosinone, mentre con Colantuono sabato per la prima volta la squadra ha saputo rimontare, non era mai successo. Inizialmente avevo un sogno, cioè prendere un mister giovane capace di aprire un ciclo a lungo termine a Bari. Ma lui è forse troppo giovane per resistere a certe pressioni“.
A Novembre anche il ds Sogliano era finito sul banco degli imputati. A tal proposito, Giancaspro riserva per lui parole di elogio: “Lui e Colantuono amano il proprio lavoro e vivono per raggiungere i massimi obiettivi. Non è un caso che entrambi abbiano accettato un ingaggio inferiore pur di accettare la sfida Bari”.
Precisazioni importanti arrivano anche su bilancio e calciomercato: “L’esercizio 2016/17 porterà con sé delle passività legate alla razionalizzazione ed al riordino dei vari settori, anche quello sportivo. Ovviamente a tutto ciò saranno poi rapportati gli investimenti da fare sul mercato. C’è sicuramente la volontà di colmare le lacune nei reparti che mister e ds avrebbero individuato alla fine del girone d’andata, nei primi giorni di gennaio ci organizzeremo per gestire ingressi ed uscite”.
E ancora: “La vecchia gestione ha portato con sé perdite pesanti, accumulate negli ultimi due anni. La perdita sarà notevole e molto probabilmente servirà un ulteriore aumento di capitale. Non navighiamo nell’oro, con la ricapitalizzazione già fatta abbiamo comunque messo a posto i conti e coperto le perdite. Quest’anno dobbiamo concentrarci affinché vengano evitati alcuni degli errori commessi in passato, per poi pianificare bene anche la prossima stagione e le seguenti sotto tutti i punti di vista. La città merita di raggiungere i risultati più importanti, si potrà puntare a raggiungere l’obiettivo anche da quest’anno, ma non sono i milioni di euro la ricetta magica per essere promossi. Bensì le scelte fatte”.





About Francesco Margiotta 835 Articoli
Collaboratore e Giornalista Pubblicista. Si occupa di qualsiasi argomento attinente al calcio.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*