Ostacolo insidioso sulla strada del Bari, la Virtus Entella con il suo attacco super

La presentazione del match tra liguri e pugliesi



I tifosi del Bari durante l'ultima trasferta di Benevento
I tifosi del Bari durante l’ultima trasferta di Benevento

Alla ripresa del campionato, dopo la lunga sosta di gennaio, Bari e Virtus Entella erano appaiate all’ottavo posto della classifica, una posizione che poteva garantire l’accesso ai play-off soltanto a una delle due. Dopo un mese e  mezzo e 7 partite giocate, il Bari (43 punti)  è avanzato al quinto posto e la Virtus Entella (39 punti) è scivolata addirittura fuori della zona promozione.
I biancorossi di Colantuono viaggiano al ritmo di 2 punti a partita (14 nelle 7 gare del girone di ritorno), come la capolista Frosinone, sono secondi solo alla Spal e al sorprendente Avellino (15 punti)  e hanno staccato di 4 lunghezze la squadra dell’ex Caputo.
La trasferta di Chiavari, comunque, nasconde non poche insidie, come ha riconosciuto Colantuono. La formazione di Breda possiede il terzo miglior attacco della serie cadetta con 40 gol realizzati, 6 più dei biancorossi. Meglio hanno fatto finora solo Verona (46) e Spal (45).
Sul terreno di gioco sintetico dello Stadio Comunale di Chiavari (capienza 5.535 posti), la Virtus Entella ha conquistato 28 punti, il 72% dell’intero bottino, grazie a 8 successi, 4 pareggi e 1 sola sconfitta, subìta ad opera della Spal (0-3) tre settimane fa.
Cicco Caputo è uno dei 4 ex biancorossi: gli altri sono tutti difensori, Benedetti, Filippini e Sini. Il centravanti è attualmente al secondo posto della speciale classifica dei cannonieri della serie cadetta, alle spalle di Pazzini. Caputo ha realizzato finora 14 gol, seguito da Masucci (5) che però a gennaio è passato al Pisa. Seguono poi con 3 reti all’attivo Pellizzer, Tremolada, Troiano e Catellani, prelevato dal Carpi alla riapertura del mercato.  Il francese Ammari e Ceccarelli hanno segnato 2 gol a testa e infine hanno realizzato 1 sola rete Sini, Diaw, Cutolo (ceduto alla Juve Stabia) e Iacoponi (passato al Parma).
Nel girone di andata al “San Nicola” la partita finì con il risultato di 1-1 e si decise in meno di 10 minuti. Dopo 180 secondi di gioco il Bari passò in vantaggio con Brienza ma appena 6 minuti dopo pareggiò il terzino Iacoponi, ceduto in gennaio al Parma. Poi Martinho non fu fortunato perché colpì la traversa con un tiro dal limite dell’area. Quel giorno nel Bari giocarono in 5, Di Cesare, Valiani, Fedato, Castrovilli e De Luca, che poi a gennaio si sono trasferiti altrove.
La gara sarà diretta dal signor Daniele Chiffi della sezione di Padova. In questa stagione ha arbitrato già 2 partite del Bari, la sera del 25 ottobre a Novara (sconfitta per 0-1) e il 17 dicembre al San Nicola contro l’Avellino (vittoria per 2-1 con doppietta di Fedele in rimonta). Complessivamente conta 8 presenze con i biancorossi e il bilancio è di 3 successi per il Bari, 1 pareggio e 4 sconfitte. L’arbitro padovano è decisamente “casalingo”: in 64 gare dirette in 4 campionati di serie B ben 31 sono state le vittorie delle squadre di casa, contro 23 pareggi e appena 10 successi per le formazioni in trasferta. Le  ammonizioni sanzionate ammontano addirittura a 279, i cartellini rossi sono stati 12  e i rigori concessi 11 ( 8 per le squadre di casa e 3 per gli ospiti).
L’incontro sarà trasmesso solo da Sky Sport sul canale Sky Calcio 8 HD (n. 258). Un’altra possibilità di visualizzazione sarà fornita anche agli abbonati al pacchetto Sky Calcio “diretta streaming” tramite l’applicazione Sky Go, disponibile per pc, tablet e smartphone. Fischio d’inizio alle ore 15 allo Stadio Comunale di Chiavari.





About Peppino Accettura 352 Articoli
Il nostro collaboratore più navigato. Giornalista Pubblicista dal 1970 ed esperto soprattutto di statistiche e materie economiche.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*