Cremonese, Canini non ci sta: “Bari di un altro livello, ma ha vinto con un solo tiro in porta. Noi molte più occasioni…”

Il difensore in prestito dall'Atalanta analizza la sconfitta della sua squadra contro il Bari



Share
Michele Canini
Michele Canini

BARI – Michele Canini, difensore classe ’85 della Cremonese, ha parlato in sala stampa della sconfitta subita dai suoi al ‘San Nicola’ contro il Bari di Grosso: “Il Bari era certamente un avversario di altro livello. Noi abbiamo fatto una discreta partita, sia in fase difensiva che offensiva. Loro hanno fatto gol con un solo tiro in porta e – commenta amareggiato – oltretutto il nostro portiere è stato abbastanza sfortunato perché il pallone gli è passato da sotto le gambe. Noi abbiamo avuto molte più occasioni dei padroni di casa. Per esempio il colpo di testa di Mokulu nel primo tempo, mentre nel secondo tempo abbiamo quasi fatto fare un’autorete a Marrone, oltre cjìhe collezionare altre occasioni. E’ un peccato perché abbiamo messo in difficoltà per la seconda volta il Bari, dopo la Coppa Italia, e ne usciamo ancora sconfitti. Dobbiamo comunque continuare su questa strada, perché è quella giusta nonostante tutto.”

Il difensore di proprietà dell’Atalanta, inoltre, ha evidenziato anche la sfortuna di aver perso due giocatori nel primo tempo, uno dopo l’altro : “Siamo stati molto sfortunati nel primo tempo perché abbiamo perso due nostri compagni per infortunio e siamo stati costretti a sostituirli con altri due che sono entrati a freddo e hanno dovuto inserirsi in breve tempo ma sono stati bravi. Quei due cambi ci sarebbero molto probabilmente serviti nella ripresa e magari avremmo avuto una marcia in più. Nonostante tutto però abbiamo avuto una buona reazione dopo il gol e non abbiamo mai mollato fino alla fine. Peccato che come a Parma, dove meritavamo un punto, anche qui abbiamo perso e torniamo a casa a mani vuote.”





About Francesco Margiotta 835 Articoli
Collaboratore e Giornalista Pubblicista. Si occupa di qualsiasi argomento attinente al calcio.

11 Comments

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*