Il punto sul campionato di B: marcia trionfale dell’Empoli, il Bari rialza subito la cresta



Non conosce ostacoli la marcia dell’Empoli in serie B. Anche a Foggia l’11 di Andreazzoli ha dato spettacolo con tre gol di ottima fattura. A questo punto la squadra toscana ha un piede e mezzo in serie A considerato lo score fin qui registrato in particolare da quando il tecnico romano è arrivato in Toscana. A 8 punti di distanza dall’Empoli segue il Frosinone a quota 58. Dopo la vittoria su un coriaceo Venezia i ciociari sono proiettati verso la promozione diretta a patto di non subire altre distrazioni.

Ad un punto segue il Palermo sconfitto a Parma per 3-2 al termine di una partita bellissima. Ha deciso tutto Calaiò, autore di una tripletta proprio contro la squadra della sua città. A nulla è valsa la rimonta dei rosanero che ora vedono accorciarsi le distanze dalle tre inseguitrici Bari, Perugia e Parma. Per la formazione di Grosso la vittoria di Avellino è giunta al termine di un altro momento incolore coinciso con la sconfitta di Ascoli. Come spesso le è capitato in questa stagione, la formazione barese ha subito rialzato la testa andando a vincere in Irpinia con un gol di Cissè proprio allo scadere. Purtroppo le disattenzioni si pagano care e il Bari quest’anno ne ha avute parecchie con cali di concentrazione inspiegabili per una squadra che punta in alto. A braccetto con i biancorossi ci sono il Parma e il Perugia a quota 53. La formazione ducale ha ripreso a marciare alla grande e tutto lascia prevedere che non si fermerà più fino alla fine. Ora ha ritrovato anche il suo bomber, Calaiò, che rappresenta una marcia in più per l’attacco ancora orfano di Ceravolo e Ciciretti. Anche il Perugia fa sul serio. La cura Breda sta dando i suoi frutti. Il 2-0 di Vercelli la dice tutta sulle capacità dei grifoni che ora sanno essere anche cinici come dimostra l’1-2 in Piemonte proprio nei minuti finali del match. Perdono terreno Cittadella e Venezia a quota 50.

Il Venezia non è andato oltre lo 0-0 a Carpi ma dimostra di essere in grado di puntare ai play off mentre il Cittadella ha perso in casa con lo Spezia rinviando i suoi sogni di gloria dopo un lungo periodo di imbattibilità. In coda è sempre più critica la situazione dell’Avellino. Foscarini è subentrato a Novellino per dare una scossa a tutto l’ambiente ma ormai è evidente che la lotta per non retrocedere va dai 38 punti di Novara e Brescia ai 27 della Ternana, fanalino di coda. In tutto sono 9 squadre tra cui Pescara e Brescia che dovranno darsi una mossa se non vorranno finire il prossimo anno in Lega Pro.





About Nico Lovecchio 15 Articoli
Giornalista Professionista iscritto all'Ordine da quasi 25 anni. Tanta esperienza e voglia di scrivere di calcio. Con particolare attenzione al mondo biancorosso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*