LA PRESENTAZIONE DELLA GARA – Il Bari va a Palermo: i 3 punti sono un obbiettivo inderogabile…



Ai biancorossi, impegnati a Palermo in un incontro che ricorda con tanta malinconia tanti precedenti in categorie più prestigiose, si presenta l’occasione di ridurre ulteriormente lo svantaggio nei confronti della Ternana.

E’ un’occasione irrinunciabile, considerato che nel giro di appena 8 giorni il Bari potrebbe più che dimezzare il distacco dai rossoverdi, portandolo da 9 a 4 punti, con immaginabili risvolti positivi soprattutto sul piano psicologico. La sosta natalizia di due settimane e mezzo consentirà poi a Antenucci e compagni di allenarsi con continuità e far recuperare, soprattutto a chi è arrivato senza allenamento negli ultimi giorni di mercato, la migliore condizione.

La Ternana, dunque, potrebbe ricominciare a sentire il fiato del Bari sul collo, a condizione che la squadra di Auteri ripeta in terra siciliana le buone prestazioni offerte contro la Vibonese e l’Avellino.

Il mister biancorosso potrà recuperare per questa trasferta anche De Risio e Sabbione, che hanno scontato la squalifica, ma non Montalto, appiedato dal giudice per un’altra partita. Comunque l’auspicio è che i biancorossi possano chiudere subito la gara, come è accaduto contro l’Avellino domenica scorsa.

Il Palermo è una matricola di lusso, che ha dominato il campionato di serie D, come aveva fatto il Bari, conquistando 63 punti in 26 partite, prima della sospensione. Il Savoia, secondo, fu distanziato di ben 7 punti. Quest’anno le ambizioni sono limitate alla lotta per un posto nei playoff e il tecnico Boscaglia sta cercando di dare un assetto valido alla formazione. Tatticamente il mister predilige il 4-2-3-1 decisamente sbilanciato in avanti e in casa i rosanero hanno ottenuto 14 dei 20 punti all’attivo. Alla “Favorita” hanno perso il Monopoli e altre 3 squadre di bassa classifica, Paganese, Potenza e Casertana, hanno pareggiato Catania e Viterbese ed hanno vinto Avellino e Turris. La prima parte della stagione è stata tormentata dal Covid, che ha costretto i rosanero a rinviare ben 4 partite, recuperate poi con un calendario molto fitto di gare giocate senza sosta, circostanza che ha messo a dura prova la  resistenza fisica dei giocatori.

Per i rosanero il bilancio tra gol fatti e subìti si chiude per ora in perfetta parità, 16 contro16. Il miglior marcatore è Saraniti, con 4 centri, seguito dall’altra punta Lucca (3). Viene poi la coppia composta dall’attaccante Rauti e dal centrocampista Luperini con 2 gol a testa e infine altri 4 giocatori hanno 1 sola realizzazione all’attivo: gli attaccanti Floriano, ex biancorosso, e Kanouté, senegalese, e i difensori Almici (1 rigore) e Marconi. Va aggiunta anche l’autorete a favore di Evacuo del Catanzaro.

I precedenti tra biancorossi e rosanero sono ben 32 nel capoluogo siciliano e risalgono addirittura a 90 anni fa, precisamente il 26 ottobre 1930, in B (finì 0-0). A parte 2 gare in Coppa Italia e una nel campionato Centro-Sud a fine 1945, tutte le altre partite vedevano le due squadre impegnate in serie A (8 volte) e in serie B (21). Complessivamente i biancorossi hanno perso ben 17 volte, pareggiato 13 e vinto solo 2 partite, una nel campionato di Centro-Sud e l’altra oltre 23 anni fa, il 18 maggio 1997, in serie B per 2-1. L’ultima gara giocata ad aprile 2018, sempre nella serie cadetta, si chiuse in parità per 1-1. In totale le reti segnate dai biancorossi sono state 25 contro ben 50 subìte.

La gara sarà diretta dal sig. Ermanno Feliciani, iscritto alla sezione di Teramo. Ha esordito in serie C il 10 settembre 2017 arbitrando Sudtirol – Fermana (2-2) nel girone B. In 4 stagioni ha diretto complessivamente 47 gare e può essere considerato un arbitro “casalingo”. Infatti più di metà delle partite, precisamente 25, si sono concluse con la vittoria delle squadre impegnate in casa, contro 12 pareggi e soltanto 10 successi delle formazioni che hanno giocato in trasferta; le ammonizioni sono state in totale 195, 12 le espulsioni (7 per doppio cartellino giallo e 5 per rosso diretto) e 13 i rigori concessi. In questo campionato le presenze sono state già 7, 1 nel girone A, 3 nel girone B e altrettante nel girone C. La prima gara diretta nel raggruppamento meridionale ha riguardato proprio il Bari, impegnato a Monopoli: la partita finì 0-0 e Sabbione fu espulso a cinque minuti dalla fine per doppia ammonizione. Successivamente ha arbitrato Ternana-Catanzaro 5-1 e Avellino-Catania 1-2. L’altro precedente con il Bari risale al campionato scorso, all’inizio di febbraio: Bari-Virtus Francavilla 2-0. Non è mai stato designato in gare del Palermo.

L’incontro sarà trasmesso  in diretta TV  da SKY ed ELEVEN  SPORTS e in radiocronaca da RADIONORBA. Il fischio d’inizio allo stadio  “Renzo Barbera – La Favorita”  è fissato alle ore 15.  





About Peppino Accettura 364 Articoli
Il nostro collaboratore più navigato. Giornalista Pubblicista dal 1970 ed esperto soprattutto di statistiche e materie economiche.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*