Poker del Bari contro la V.Francavilla. Decisive le doppiette di Antenucci e Marras…



BARI – Si apre nel migliore dei modi il girone di ritorno del Bari che, dopo aver steso il Bisceglie la settimana scorsa, vince il secondo derby di fila stendendo al “San Nicola” la Virtus Francavilla. Decisive sono le doppiette di Antenucci (al decimo e undicesimo centro stagionale, che gli consentonoe di diventare capocannoniere del campionato, superando anche Cianci) e Marras. Nonostante il rotondo 4-1, buona parte del primo tempo corre in chiaroscuro sui binari biancorossi, ma i padroni di casa trovano, da un certo punto in poi, le giocate vincenti grazie ai suoi uomini più estrosi per quindi gestire il match fino al termine. Una discreta impressione la suscita anche il nuovo arrivato Rolando, autore di diverse discese sulla fascia mancina degne di nota.

LE FORMAZIONI
Mister Auteri deve rinunciare in difesa ancora a Celiento e ripropone al centro Sabbione, affiancato da Di Cesare e Ciofani che rientrano dopo la squalifica. A centrocampo, l’appena riarruolato Maita è lasciato inizialmente in panchina e a presidiare la zona nevralgica ci sono Bianco (preferito a De Risio) e Lollo, con Andreoni e il nuovo arrivato Rolando a presidiare le fasce laterali. In attacco, l’indisponibile D’Ursi è rimpiazzato da Candellone che completa con Marras ed Antenucci il tridente offensivo.
Mister Trocini schiera il consueto 3-5-2 e in difesa conferma il trio composto da Caporale, Pambianchi e Delvino. Il perno di centrocampo è Castorani, preferito al camerunense Tchetchoua, affiancato da Franco e Zenuni, con Di Cosmo e Nunzella a spingere sugli esterni. In attacco giostrano il nuovo arrivato Ciccone, a segno in occasione della vittoria a Palermo nella sua prima apparizione, e Vázquez.

LA GARA
L’avvio di gara è piuttosto frizzante e, dopo un gol annullato a Marras per fuorigioco, al 3’ Bianco Lancia per Antenucci che, da posizione defilata, calcia su Crispino. La Virtus si difende con ordine e si fa notare in avanti al quarto d’ora, quando Vasquez ci prova con un diagonale, addomesticato agevolmente da Frattali. Tre minuti più tardi, però, il tentativo dell’attaccante argentino ospite è decisamente più incisivo: Ciccone apre a destra proprio per Vasquez che impegna severamente il portiere biancorosso. Il match non decolla e al 33’ una bella incursione dalla sinistra di Rolando mette Marras nelle condizioni di girare al volo dal centro dell’area, ma la mira è troppo alta. Il gol è nell’area e giunge subito dopo. Marras lancia dalla trequarti per Candellone che fa sponda di petto per il destro di Antenucci, abile dal limite dell’area a battere Crispino con un rasoterra imprendibile. La reazione biancoceleste è immediata. Rolando perde palla a centrocampo e Nunzella serve Ciccone, il cui traversone è sfruttato alla perfezione da Castorani che trova di precisione l’angolo giusto. I galletti non ci stanno e la sfida si infiamma. Al 39’ Marras scambia con Rolando ed entra in area, ma Di Cosmo lo atterra e per l’arbitro ci sono gli estremi per fischiare il rigore. Sul dischetto questa volta si porta lo stesso Marras che spiazza l’estremo difensore brindisino e firma il 2-1.
All’inizio della ripresa Rolando si mette in mostra con un paio di scorribande sulla corsia laterale, ma prima crossa sul portiere e poi prova a beffarlo da distanza ravvicinata guadagnando però solo un angolo. Al 9’ arriva anche il terzo gol biancorosso. Di Cesare effettua un lungo lancio dalle retrovie che rimbalza, prede velocità e giunge nei paraggi di Marras che col suo mancino infila Crispino con un pallonetto felpato. Il Bari ormai ha saldamente in mano la sfida e col passare dei minuti si permette addirittura il lusso di dilagare. Al 23’ Marras ispira e Antenucci trasforma, raccogliendo l’invito e facendo poker con un rasoterra piazzato sul palo opposto. Subito dopo il bomber abruzzese ricambia il favore e mette sui piedi del compagno una palla filtrante d’oro, ma è il palo a dire di no a Marras. Mister Auteri decide di cambiare qualcosa e far rifiatare Di Cesare, Bianco, Antenucci, Andreoni e Marras, sostituiti rispettivamente da Minelli, De Risio, Citro, Semenzato e il nuovo arrivato Sarzi Puttini. Ormai la partita non ha ancora molto da dire e si conclude sul 4-1.
Purtroppo la Ternana assesta l’ennesimo colpo esterno sul terreno della Viterbese e il Bari deve rinviare ancora i progetti di rimonta. Sabato prossimo i galletti saranno di scena sul campo del Teramo, mentre gli umbri ospiteranno la Paganese.

Tabellino
BARI-V.FRANCAVILLA 4-1
BARI (3-4-3): Frattali; Ciofani, Sabbione, Di Cesare (dal 28′ st Minelli); Andreoni (dal 33′ st Semenzato), Bianco (dal 28′ st De Risio), Lollo, Rolando; Marras (dal 35′ st Sarzi), Antenucci (dal 28′ st Citro), Candellone. A disposizione: Marfella, Perrotta, Maita, Hamlili, Corsinelli, Montalto. Allenatore: G.Auteri.
V.FRANCAVILLA (3-5-2): Crispino; Caporale (dal 32′ st Sparandeo), Pambianchi, Delvino; Di Cosmo, Franco (dal 33′ st Tchetchoua), Castorani, Zenuni (dal 40′ st Carella), Nunzella (dal 40′ st Calcagno); Ciccone (dal 40′ st Adorante), Vázquez. A disposizione: Costa, Negro, Sarcinella, Celli, Buglia, Magnavita, Maiorino. Allenatore: B.Trocini.
ARBITRO: sig. V.Maranesi della sez. di Ciampino. Assistenti: G.Trischitta della sez. di Messina ed E.Micalizzi della sez. di Palermo.
RETI: al 34′ pt Antenucci (B), al 36′ pt Castorani (V), al 40′ pt rig. Marras (B), al 9′ st Marras (B), al 23′ st Antenucci (B).
AMMONITI: Bianco, Ciofani e Marras (B); Franco, Delvino e Castorani (V).
NOTE: pomeriggio freddo e ventilato, terreno in ottime condizioni; angoli: 5-2 per il Bari; recuperi: 1′ pt e 3′ st.; partita giocata senza spettatori per protocollo anti covid.





About Tommaso Di Lernia 563 Articoli
E' il Direttore Responsabile della Testata. Giornalista Pubblicista dal 2002 e tifoso da sempre "unicamente" del Bari. Citazione preferita: "Chi non si aspetta l'inaspettato, non scoprirà la verità" [Eraclito].

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*